Contenuto sponsorizzato

Espulsione dall'accademia di Venezia per la studentessa trentina che ha imbrattato un leoncino del '700

Con altri due studenti aveva imbrattato un'opera della Laguna. Dopo le dure parole del sindaco ("Dovranno pulire tutta la città davanti a tutti") interviene anche il direttore dell'Accademia: "Noi insegniamo a valorizzare la bellezza, non a vandalizzarla"

Pubblicato il - 05 ottobre 2018 - 09:40

VENEZIA. Dovrà fare le valige anche la studentessa trentina che nei giorni scorsi aveva avuto la brillante idea di imbrattare la statua di un leoncino risalente al '700. "Vanno espulsi - ha tuonato il  il direttore dell'Accademia delle Belle ArtiGiuseppe La Bruna - se vogliono vadano in un'altra Accademia".

 

Dopo la segnalazione di una ragazza, che aveva assistito all'atto vandalico, le Forze dell'ordine avevano individuato gli autori, tutti studenti fuori sede tra cui una giovane trentina. "Hanno creato un danno all'istituto - spiega il direttore in un'intervista al Gazzettino - e quindi serve un monito forte. Credo che tutta la città voglia questo provvedimento perché è necessario educare i ragazzi".

 

"Si continua a dire che le persone vadano recuperate, penso sia possibile recuperarli anche in questo modo, basta con le giustificazioni. Mi sono confrontato con alcuni colleghi - continua Giuseppe La Bruna -  non ha senso che stiano all'Accademia, perché a 22 anni non si è più ragazzini".

 

La bravata, quindi, potrebbe costare cara ai tre studenti. Oltre alla denuncia penale, al pagamento dei lavori di restauro, potrebbe essere decisa dal senato accademico anche l'espulsione dalla facoltà: "In accademia - afferma il direttore - insegniamo ad ammirare il bello, non a vandalizzarlo".

 

 

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 25 maggio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

26 maggio - 19:39

Ci sono 5.412 casi e 465 decessi in Trentino per l'emergenza coronavirus. I tamponi analizzati sono stati 703 (tutti letti da Apss) per un rapporto contagi/tampone a 1,70%. Ci sono 4 nuovi positivi a Trento, 1 a Novella

26 maggio - 19:37

Per il Tirolo il problema per la riapertura dei confini è la Lombardia? La replica di Fugatti: “Non capiamo perché i tedeschi possano arrivare attraverso il corridoio austriaco ma non possano arrivare gli austriaci, questo è difficile da spiegare al mondo economico trentino”

26 maggio - 18:16

Il presidente ha spiegato perché ritiene congruo il premio per chi si è battuto in prima linea nonostante 13 milioni arrivino dallo Stato e 20 siano stati tagliati anche al personale sanitario. ''Se si sono fatte 300 ore in prima linea un infermiere può ottenere 1.500 euro netti in busta paga. Se questo è umiliante, come hanno detto i sindacati, io non lo so. Non credo''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato