Contenuto sponsorizzato

Fai della Paganella, parla il proprietario dell'agriturismo distrutto dalle fiamme: ''Se ci sono dei colpevoli spero vengano presi. Non ho intenzione di vivere nel terrore"

L'incendio è scoppiato ieri notte e ha distrutto l'agriturismo in costruzione di Paolo Perlot in località Dossi. In passato la costruzione era stata criticata dal Wwf perchè, secondo l'organizzazione, danneggiava "l'aspetto paesaggistico e naturalistico dell'area"

Di G.Fin - 17 aprile 2018 - 19:28

FAI DELLA PAGANELLA. “Non voglio vivere con un senso di terrore come nelle zone più malavitose del mondo, se ci sono dei colpevoli spero che vengano presto presi”. Paolo Perlot è il titolare dell'agriturismo in fase di costruzione che ieri notte è andato completamente a fuoco. Le fiamme hanno in poche ore ingoiato l'edificio realizzato per gran parte in legno e che si trovava in località Dossi a Fai della Paganella.

 

 

Una struttura “ecologica” i cui lavori erano iniziati la scorsa estate e che avevano fatto nascere fin da subito alcune polemiche. L'edificio, infatti, era stato preso di mira dal Wwf che aveva rivendicato la rilevanza paesaggistica e naturalistica della zona dove si stava scavando ed era stato richiesto anche un controllo sulle autorizzazioni e che Perlot aveva dimostrato di avere in maniera regolare. Ora un incendio ha distrutto l'edificio e c'è l'ombra del dolo. I carabinieri di Andalo stanno portando avanti le indagini per capire da dove siano partite le fiamme. Al momento ogni strada è aperta ma da una prima verifica da parte dei vigili del fuoco l'incendio non sarebbe partito da alcun cortocircuito.

 

Paolo Perlot da circa sette anni ha deciso di dedicare la propria vita all'azienda agricola e per alcune ore durante la settimana insegna all'istituto “Marie Curie” di Pergine.

 

L'incendio è stato devastante, com'è la situazione attuale dell'edificio o di quello che ne resta?

Bisogna vedere dal punto di vista della staticità. Tutta la costruzione sopra la terra è andata persa. Per quanto riguarda la parte interrata bisogna capire se il solaio è stato danneggiato e solo i tecnici potranno dirci se servono dei rinforzi. Sono stati piegati e deformati una buona parte di tutte le strutture dei ponteggi.

 

A che punto era la costruzione dell'agriturismo?

Avevamo iniziato lo scavo all'inizio dell'estate scorsa. Abbiamo scavato sulla roccia e questo ha portato via più tempo. Erano stati fatti di recente il cappotto esterno e i balconi. Questa settimana avremmo dovuto iniziare con dei lavori di artigianato.

 

Era stata data molta attenzione all'ambiente con una struttura che prevedesse diversi accorgimenti.

Si, io credo molto alle energie rinnovabili. A scuola insegno questi argomenti. Per l'agriturismo avevamo previsto dei pannelli fotovoltaici, pompe di calore, recupero dell'acqua piovana per i servizi igienici e tanto altro. Volevo creare una struttura rispettosa dell'ambiente.

 

Sono ancora in corso delle indagini ma sembra che l'incendio sia stato provocato da qualcuno. Lei cosa ne pensa?

Attendo la fine delle indagini e di sapere dai carabinieri cosa è successo. Non ci sono persone che hanno qualche rancore con me e non ho rapporti conflittuali in paese. Sono sempre schietto e soprattutto corretto perchè non ho mai fatto scorciatoie o privilegi e ogni metro me lo sono guadagnato. Non so se ho dato fastidio a qualcuno.

 

Ha avuto qualche genere di pressione?

No mai e nemmeno nessun problema particolare perchè ho sempre fatto le cose alla luce del sole.

 

In passato il Wwf aveva criticato questi lavori perchè andavano a rovinare aree di rilevanza paessagistica e naturalistica.

Era stato poi dimostrato che avevo tutte le autorizzazioni. L'incendio di questa volta, come in quel caso, potrebbe essere dello stesso filone e il tutto causato da qualcuno che cerca di fomentare odio anche se ha torto. E' da dieci anni che raccolgo autorizzazioni.

 

E' stata già fatta una stima dei danni?

E' difficile al momento stabilire una cifra precisa dei danni subiti. Ci dovrà essere una perizia. Ma credo che potrebbero aggirarsi sui 350 o 400 mila euro

 

Lei ora cosa farà? Ha sempre intenzione di realizzare un agriturismo?

Io sono pronto a riprendere. Devo solo attendete i tempi tecnici e poi dopo ricomincio. Intanto spero che se ci sono dei colpevoli vengano presi. Non ho intenzione di vivere nel terrore.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 04 luglio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

05 luglio - 11:58

La candidata di “Si può fare” sostiene di essere la prima e unica donna in corsa per la carica di sindaca a Trento, ma non è così. Nel 2009 e nel 2015 Sinistra e Lega Nord presentarono due donne, mentre oggi c’è la candidata pentastellata: “Si vede che la mia avversaria non segue l’attività politica della città, nel M5s non abbiamo problemi con la parità di genere”

05 luglio - 10:19

Mentre a Bolzano si riparte oggi con i negozi aperti ad orario completo dopo due mesi di chiusura per il lockdown dando spinta all'economia, a Trento entra in vigore la legge di Failoni e Fugatti che stabilisce la chiusura dei punti vendita. 
E' scontro con il Comune, l'assessore Stanchina: "Ancora una volta una confusione terribile e danni economici per la città. L'Amministrazione farà di tutto per tutelare i propri commercianti"

05 luglio - 12:27

L'incidente è avvenuto sul territorio di Brentonico. La donna è stato trasportata in ospedale a Rovereto

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato