Contenuto sponsorizzato

Far west a Trento Nord, fuori una scazzottata e un tavolino che vola, mentre una quarantina di persone si rifugiano nel bar

E' successo questa mattina intorno alle 8.30. La denuncia di Pippo Prada, noto esercente e titolare del locale: "Ogni sabato corriamo questi rischi e lottiamo contro i vandalismi. Adesso basta, serve una regolamentazione chiara"

Di Luca Andreazza - 27 October 2018 - 15:55

TRENTOScene da far west, sangue e una quarantina di persone asserragliate all'interno del bar. E' successo in via del Commercio a Trento. Una lite improvvisa poi degenerata in una scazzottata da regolamento di conti. 

 

Tantissima paura questa mattina intorno poco prima delle 8.30 a Trento e Pippo Prada, noto esercente cittadino e titolare del bar Spazioprada, costretto a "sequestrare" la propria clientela all'interno del locale per assicurare l'incolumità di tutti in attesa dell'arrivo degli agenti di polizia.

 

"Chiedo scusa a tutti - dice Prada - ma il degrado è arrivato purtroppo anche da noi. Ormai lottiamo ogni sabato contro scene di totale vandalismo. Scene di paura che rimangono impresse ancor di più se non abituati a violenza e odio. Un problema dovuto a persone che frequentano un circolo poco lontano dal mio bar aperto, ma che non segue la stessa regolamentazione dei locali normali".

 

Sono le 8.30 circa, quando quattro persone, due uomini e due donne di origine tunisina, fanno il loro ingresso nel bar. Ordinano tre brioches e tutto sembra tranquillo, niente lascia presupporre quello che sta per accadere. "Dopo dieci minuti - aggiunge il noto esercente - hanno iniziato a litigare e subito dopo sono passati dalle parole ai fatti". 

 

Scene di ordinaria follia. La clientela all'interno, mentre fuori si scatena una battaglia degno di "Fight club" con tanto di tavolino preso e lanciato contro il rivale. Nel frattempo è arrivata tempestivamente sul posto la volante della polizia. Gli agenti sono intervenuti per sedare la rissa e portarli in questura

 

"Un doveroso ringraziamento alle forze dell'ordine: celeri e pazienti. Ma chiediamo una vera regolamentazione valida per tutti. Questi circoli - conclude Prada - creano solo problemi perché somministrano alcol anche ai minorenni, ma non solo, diciamo che sono persone un po' 'leggere', dopo a pagare sono gli esercenti. Speriamo di poter lavorare sereni in futuro, ma ogni sabato corriamo rischi e servono regolamentazioni chiare".

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 03 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

03 December - 20:45

Il premier Giuseppe Conte spiega le principali misure contenute nel nuovo Dpcm per le festività di Natale e Capodanno: "La curva si è abbassata ma non possiamo distrarci e abbassare la guardia. Dobbiamo evitare la terza ondata"

03 December - 20:17

Sono 449 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 45 pazienti sono in terapia intensiva e 53 in alta intensità. Sono stati comunicati 239 positivi sull'analisi di 3.575 tamponi molecolari e altri 237 contagi sono stati individuati tramite 1.954 test antigenici per un totale di 476 casi nelle ultime 24 ore

03 December - 19:01

Mentre oggi la Pat ha finalmente comunicato i dati completi del contagio che mostrano come il Trentino abbia lo stesso numero (se non di più) di contagi dell'Alto Adige, come vi raccontava il Dolomiti da giorni, il presidente ha presentato i dati su Rt e ospedalizzazioni. Poi ha spiegato cosa non va delle decisioni prese a livello governativo e confermato che il weekend i negozi e centri commerciali saranno aperti in Trentino, salvo dpcm

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato