Contenuto sponsorizzato

Furti di bici, portafogli, collane e danneggiamenti ad auto. Quattro persone denunciate dai Carabinieri

Individuata anche una cittadina rumena, 28enne senza fissa dimora, che  avvicinando un’anziana del paese e proponendosi per aiutarla a portare la spesa, le sfilava la collana d’oro

Pubblicato il - 17 August 2018 - 12:40

RIVA DEL GARDA. Furti di materiale da recupero, collanine, portafogli e bici. Sono stati giorni di lavoro intenso per i carabinieri di Riva del Garda nel corso dei servizi di prevenzione generale disposti e coordinati dal Comando Provinciale dei Carabinieri di Trento.

 

Il primo controllo ha avuto come protagonista un 47enne marocchino residente in provincia di Verona che si era intrufolato nel Centro di Raccolta Materiali Comprensoriale di Dro. L'uomo stava asportando materiali di recupero per poi estrarne metalli da rivendere. L'intervento immediato delle forze dell'ordine hanno permesso di bloccare la persona, denunciarla e di riportare tutto il materiale al centro di raccolta.

 

Il secondo furto è avvenuto ad Arco, nei pressi del lido, dove un minorenne, 16 anni, di Riva del Garda, è stato sorpreso mentre stava rubando una mountain bike insieme a due persone che però sono riuscite a fuggire. Dopo gli accertamenti il giovane è stato riconsegnato ai genitori, mentre la bicicletta è stata restituita al legittimo proprietario, un turista olandese che non si era accorto di nulla.

 

Alla vigilia di ferragosto è stata la radiomobile di Riva del Garda a denunciare l’autore di un furto avvenuto a Gaggiolo di Dro, presso la parete zebrata, a danno di una vettura lì parcheggiata da un cittadino polacco. L’autore, un 28enne, residente presso il campo nomadi di Bolzano, con numerosi precedenti per furto, è stato denunciato. A suo carico anche il divieto di ritorno nel comune di Dro.

 

Ad Arco è stato individuato l’autore del furto di un portafogli custodito su di un furgone di un rivano parcheggiato in prossimità del centro città. L’autore è un 25enne abitante nel campo nomadi di Rovereto, anch’esso con numerosi precedenti specifici.

 

Sempre alla vigilia di ferragosto i Carabinieri di Pieve di Bono hanno individuato una cittadina rumena, 28enne senza fissa dimora, che una settimana prima, avvicinando un’anziana del paese e proponendosi per aiutarla a portare la spesa, le sfilava la collana d’oro. Sono in corso gli accertamenti per recuperare la refurtiva.

 

In totale sono 111 le persone controllate e 76 i veicoli. Proprio l’alto numero di controlli e l’attività svolta ha consentito sulle rive del lago si sia raggiunto l’obiettivo di un “ferragosto sereno”.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione del 13 agosto 2022
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Montagna
15 agosto - 13:11
Secondo l’ultimo Rapporto sui grandi carnivori pubblicato dalla Provincia di Trento sono 7 (su 69) gli orsi rilevati con certezza fuori dal [...]
Ricerca e università
15 agosto - 12:18
L'obiettivo del nuovo progetto coordinato dalla Fondazione Bruno Kessler “Nevermore”, finanziato nell'ambito del programma Horizon Europe con [...]
Politica
15 agosto - 11:44
Sono 101 in tutto i contrassegni depositati in vista delle elezioni del 25 settembre e, tra i partiti e i movimenti più noti, sono spuntati [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato