Contenuto sponsorizzato

In macchina con 54 set di coltelli da sei, denunciati per 'tentata vendita' abusiva di armi senza autorizzazione

La merce è stata sequestrata e i due cittadini denunciati a piede libero dalle Fiamme Gialle in azione a Lavis

Pubblicato il - 26 marzo 2018 - 09:12

TRENTO. Le attività dei Finanzieri del Gruppo di Trento, nel corso dei servizi di controllo economico-finanziario del territorio, le pattuglie di pubblica utilità “117” hanno fermato ieri un'automobile con targa rumena sulla SS12 all’altezza di Lavis. Alla guida due cittadini rumeni che trasportavano con sé 54 scatole di set di coltelli da sei.

 

La prima verifica è stata sull'eventuale provenienza illecita della merce, ma chiarito che i coltelli non erano oggetto di furto, le Fiamme Gialle hanno accertato che i due rumeni giravano con l’auto per la cosiddetta “tentata vendita”: esercitavano in pratica il commercio abusivo, al di fuori i ogni autorizzazione prevista dalle leggi provinciali in materia.

La merce è stata sequestrata e i due cittadini denunciati a piede libero per detenzione di armi destinate alla vendita e vendita ambulante di armi senza la licenza del Questore. Ne risponderanno davanti al Tribunale di Trento

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 dell'08 luglio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

10 luglio - 06:01

Il racconto della figlia: "La struttura permette solo un visitatore per volta ma mio papà, poverino, si sente sempre molto spaesato e nel poco tempo a disposizione fa fatica a tenere una vera conversazione. Sono stati insieme per 63 anni di matrimonio, mentre adesso il tempo si è ridotto a pochi momenti"

10 luglio - 09:24

L'allarme è stato lanciato questa mattina attorno alle 6.30. Sulla dinamica dell'incidente sono in corso delle verifiche. L'uomo ha riportato lesioni al piede e alla gamba 

09 luglio - 17:47

Le previsioni provinciali confermano un crollo del Pil, che dovrebbe oscillare tra i 9 e gli 11 punti percentuali. Il lockdown ha prodotto effetti immediati ma le vere ripercussioni sull’economia e sul lavoro emergeranno il prossimo autunno. Il segretario della Cisl Fp risponde al presidente Fugatti

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato