Contenuto sponsorizzato

In macchina con 54 set di coltelli da sei, denunciati per 'tentata vendita' abusiva di armi senza autorizzazione

La merce è stata sequestrata e i due cittadini denunciati a piede libero dalle Fiamme Gialle in azione a Lavis

Pubblicato il - 26 marzo 2018 - 09:12

TRENTO. Le attività dei Finanzieri del Gruppo di Trento, nel corso dei servizi di controllo economico-finanziario del territorio, le pattuglie di pubblica utilità “117” hanno fermato ieri un'automobile con targa rumena sulla SS12 all’altezza di Lavis. Alla guida due cittadini rumeni che trasportavano con sé 54 scatole di set di coltelli da sei.

 

La prima verifica è stata sull'eventuale provenienza illecita della merce, ma chiarito che i coltelli non erano oggetto di furto, le Fiamme Gialle hanno accertato che i due rumeni giravano con l’auto per la cosiddetta “tentata vendita”: esercitavano in pratica il commercio abusivo, al di fuori i ogni autorizzazione prevista dalle leggi provinciali in materia.

La merce è stata sequestrata e i due cittadini denunciati a piede libero per detenzione di armi destinate alla vendita e vendita ambulante di armi senza la licenza del Questore. Ne risponderanno davanti al Tribunale di Trento

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 28 gennaio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

29 gennaio - 19:25

Siamo riusciti ad assistere alla commissione dopo l'esito di una votazione grazie all'ok di 5 consiglieri contro 2. All'interno si è parlato di Santa Chiara, di Lucio Gardin e della candidatura a sindaco di Trento di Divina. Si è parlato dei tagli delle risorse (-15%) e di feste vigiliane. Ecco cosa è successo

29 gennaio - 20:19

Francesca Businarolo esulta dopo che il governatore Zaia avrebbe chiesto di far ritirare la proposta di taglio del parco naturale addirittura del 18% della sua estensione. Una vittoria dei cittadini e delle 10.000 persone che hanno aderito alla camminata per fermare questa operazione

29 gennaio - 16:12

La decisione è arrivata ieri sera in consiglio comunale durante la discussione di una mozione presentata dal consigliere di Altra Trento a Sinistra Jacopo Zannini. Dall'ottobre del 2018 i richiedenti protezione internazionale, infatti, non possono più iscriversi all'anagrafe. Si attende anche la sentenza della Corte costituzionale 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato