Contenuto sponsorizzato

In salvo i due alpinisti trentini bloccati nella bufera sull'Himalaya

I due sono partiti il 6 di maggio e il rientro in Italia è previsto per il 22 maggio.Questa mattina il rientro al campo base

Foto @ agenzia Kalifa
Pubblicato il - 16 maggio 2018 - 08:41

TRENTO. Sono rientrati questa mattina  al campo base Adriano Bonmassar e Romano Sebastiani, i due alpinisti trentini che da ieri erano bloccati nella bufera sullo Shisha Pangma, la quattordicesima montagna più alta della Terra con i suoi 8.027 metri situata in Tibet all'interno della catena dell'Himalaya.

 

La  disavventura dei due trentini era stata diffusa ieri dall'agenzia giornalistica ungherese Kalifa che sta seguendo l'alpinista Klein David. I due erano partiti il 6 aprile scorso e il loro rientro in Italia è previsto per il 22 maggio.

 

Al campo base, secondo le informazioni diffuse, era  invece già rientrato un terzo alpinista Sebastiano Valentini. Nella zona le condizioni sono critiche per la grande quantità di neve che è caduta negli ultimi giorni. I due alpinisti trentini, molto esperti, erano attesi al capo base ieri, come spiegava l’agenzia Kalifa, ma sono rimasti bloccati dal maltempo che ha interrotto tutti i tentativi di vetta che erano al momento in corso.

 

Quest'oggi sarebbero dovute partire le operazioni di soccorso ma i due sono riusciti a raggiungere in autonomia il campo base.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.21 del 25 Settembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 settembre - 18:21

Quasi tutti i nuovi casi sono stati individuati grazie al contact tracing. Dei 42 contagiati una trentina appartiene al settore agricolo. In appena due giorni sono stati quasi un centinaio i nuovi casi. Le autorità sanitarie: “Accanto al comparto scuola, stiamo tenendo sotto particolare controllo alcune filiere”

27 settembre - 17:53

L’amico che era con l’escursionista precipitato ha tentato invano di rianimarlo. Purtroppo i soccorritori giunti sul posto non hanno potuto fare altro che constatare il decesso dell’uomo

27 settembre - 09:37

L'attenzione sul comparto scuola resta comunque particolarmente alta. Anche se la scelta della Provincia resta quella di ridurre ai minimi termini le comunicazioni e non indica gli istituti con le classi in quarantena

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato