Contenuto sponsorizzato

Incidenti stradali, aumentano le persone che si danno alla fuga dopo un incidente. Giacomoni: ''Crescita preoccupante''

Nel corso del 2017, su 774 sinistri rilevati dalla polizia locale di Trento in 30 casi la persona coinvolta nell'incidente non si è poi fermata per ottemperare gli obblighi del codice della strada. Nel 2018 già 4 casi

Di G.Fin - 27 febbraio 2018 - 21:42

TRENTO. Sono in aumento le persone che dopo essere state coinvolte in un incidente, invece di fornire i propri dati decidono di darsi alla fuga. Un comportamento, spiega la Polizia locale di Trento, che preoccupa e che, purtroppo, negli ultimi due anni ha visto un incremento allarmante.

 

Nel corso del 2017, su 774 sinistri rilevati dalla polizia locale di Trento , 328 hanno registrato feriti per un totale di 420 persone ferite, 4 in prognosi riservata e una persona deceduta. Durante lo scorso anno, sono stati 30 i casi in cui la persona coinvolta in un incidente non si è poi fermata per ottemperare gli obblighi del codice della strada. Se prendiamo invece i casi del 2018, sono una settantina gli incidenti rilevati sul territorio comunale e di questi sono già 4 i sinistri , senza feriti, con guidatore in fuga.

 

Valori che mostrano una tendenza in crescita del comportamento illecito con il mancato rispetto degli obblighi previsti dal codice della strada da parte di chi è coinvolto in un incidente stradale.

 

L'articolo 189 della legge infatti prevede che l’utente della strada, in caso di incidente ricollegabile al suo comportamento, si fermi e presti assistenza a coloro che eventualmente abbiano subito danno alla persona. In ogni caso i conducenti devono fornire le proprie generalità, nonché le altre informazioni utili, anche ai fini risarcitori, alle persone danneggiate o, se queste non sono presenti, comunicare loro nei modi possibili gli elementi sopraindicati.

 

Per chi non si ferma in caso di incidente senza feriti è prevista una sanzione amministrativa che consiste nel pagamento di una somma variabile da 296 a 1.183 euro oltre alla decurtazione di 4 punti patente. In caso di incidente con feriti, chi non ottempera all’obbligo di fermarsi è punito con la reclusione da sei mesi a tre anni. Si applica inoltre la sanzione amministrativa accessoria della sospensione della patente di guida da uno a tre anni e la decurtazione di 10 punti. In tali casi è possibile procedere anche all’arresto del trasgressore. Sempre se vi sono feriti, esiste non solo l'obbligo di fermarsi ma anche quello di prestare assistenza.

 

“Nella maggior parte dei casi – ha spiegato il comandante della Polizia locale di Trento, Lino Giacomoni – non si tratta di persone che scappano perché sono senza partente o altri documenti. In pochi casi succede quasto ma nella maggioranza sono persone che si allontanano perché dicono di non essersi accorti dell'incidente o altre scuse. Forse magari avevano anche alzato un po' il gomito e non volevano fare il test”.

 

I casi nei quali è avvenuta la fuga delle persone, la Polizia locale, grazie a testimonianze, verifiche dei passaggi tramite la videosorveglianza pubblica o privata e la raccolta di elementi, è riuscita a risalire ai responsabili.

 

Nei primi casi di fuga accaduti nel 2018 (uno è avvenuto ieri) si tratta sempre di persone che si sono allontanate senza lasciare i propri dati.

 

Nel primo caso si è trattato di scontro frontale-laterale in cui una delle parti si è allontanata dal luogo del sinistro, senza feriti, inseguito dalla controparte; il rintraccio è stato possibile grazie alla targa fornita dal danneggiato, che ha permesso alla polizia locale, mediante la videosorveglianza, di seguire il responsabile in fuga fino a casa e verificare i danni riportati dal veicolo che si era allontanato. Il secondo episodio è stato registrato in tangenziale: dopo uno scontro una delle due

parti si è allontanata senza fermarsi né fornire i dati. L'individuazione del responsabile è avvenuta grazie a una nostra autopattuglia allertata dalla centrale operativa che aveva divulgato i dati per la ricerca. Nel terzo caso, si è trattato di un tamponamento in tangenziale (ponte di Ravina) senza feriti; il tamponante dopo un primo contatto con le parti si è allontanato senza lasciare i propri dati e quelli del veicolo da lui condotto.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 04 luglio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

05 luglio - 11:58

La candidata di “Si può fare” sostiene di essere la prima e unica donna in corsa per la carica di sindaca a Trento, ma non è così. Nel 2009 e nel 2015 Sinistra e Lega Nord presentarono due donne, mentre oggi c’è la candidata pentastellata: “Si vede che la mia avversaria non segue l’attività politica della città, nel M5s non abbiamo problemi con la parità di genere”

05 luglio - 10:19

Mentre a Bolzano si riparte oggi con i negozi aperti ad orario completo dopo due mesi di chiusura per il lockdown dando spinta all'economia, a Trento entra in vigore la legge di Failoni e Fugatti che stabilisce la chiusura dei punti vendita. 
E' scontro con il Comune, l'assessore Stanchina: "Ancora una volta una confusione terribile e danni economici per la città. L'Amministrazione farà di tutto per tutelare i propri commercianti"

05 luglio - 12:27

L'incidente è avvenuto sul territorio di Brentonico. La donna è stato trasportata in ospedale a Rovereto

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato