Contenuto sponsorizzato

La terra trema, scosse di terremoto in Veneto avvertite anche in Valsugana

Dopo la scossa di bassa intensità di ieri a Rabbi, questa mattina un episodio simile anche a Nago Torbole

Pubblicato il - 23 dicembre 2018 - 11:20

TRENTO. Dopo la scossa avvenuta ieri e che ha avuto come epicentro Rabbi, nelle ultime ore la terra ha continuato a tremare in tutto il nord est.

 

Alle 4 di questa mattina l'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia ha rilevato una scossa di bassa intensità con epicentro a Nago Torbole. In questo caso la strumentazione ha rilevato una potenza di magnitudo 0,9.

 

Sono state avvertite anche in Valsugana, invece, le scosse di terremo che da questa mattina stanno colpendo il Veneto con epicentro Bassano del Grappa.

 

La prima scossa alle 8:33, ha avuto come magnitudo 2.0, poi una seconda un po' più intensa alle 8:52, magnitudo 2.6 e una terza alle 9:22, con magnitudo 1.2. Tutte con profondità fra gli 11 e i 14 km sotto la crosta terrestre.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 26 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

30 novembre - 15:33

Nelle ultime ore le Regioni del Nord hanno avanzato un'altra proposta per cercare di far partire la stagione. L'Alto Adige sembra ora sfilarsi per preparare l'avvio dopo l'Epifania. La decisione italiana agita inoltre il settore della neve a livello europeo

30 novembre - 12:57

Il presidente del Mart Vittorio Sgarbi presenterà in conferenza stampa alla Camera un nuovo strumento tecnologico capace di fermare il virus sfruttando le particelle d'argento. "Membrana culture" è una pellicola che si può applicare alle superfici e che non necessita di interventi umani per essere sanificata. "Al museo di Rovereto la prima sperimentazione in Italia. Così i visitatori possono visitare in sicurezza"

29 novembre - 19:28

Museo di scienze naturali dell'Alto Adige, Eurac e Unitn insieme per studiare i grandi carnivori, anche in relazione con le attività outdoor. L’esperta: “Gli animali sanno bene dove e quando passano le persone, limitando di conseguenza gli spostamenti nelle ore intensamente frequentate da escursionisti e corridori”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato