Contenuto sponsorizzato

L'acqua di Lavis è ritornata potabile, il sindaco revoca l'ordinanza

I tecnici della società Air, concessionaria della gestione del servizio idrico integrato, comunicano che sono venute meno le condizioni che avevano portato all'emissione del dispositivo

Di L.A. - 03 novembre 2018 - 19:58

LAVIS. L'ordinanza che vieta il consumo di acqua potabile se non previa bollitura è stata revocata dal Comune di Lavis.

 

I tecnici della società Air, concessionaria della gestione del servizio idrico integrato, comunicano che sono venute meno le condizioni che avevano portato all'emissione del dispositivo. 

 

I valori delle analisi chimiche batteriologiche sono rientrati in quelli di legge. E così il sindaco di Lavis ha potuto revocare l'ordinanza precedentemente emessa.

 

A seguito degli eventi atmosferici dei giorni scorsi, i tecnici avevano evidenziato la presenza nell'acqua fornita dall'acquedotto del Comune di Lavis di batteri oltre il livello massimo previsto dalla normativa.

 

Le particolari condizioni causate dalle insistenti e forti piogge avevano determinato la crisi funzionale delle sorgenti che approvvigionano l'acquedotto. Ora tutto è rientrato.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 29 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

31 ottobre - 11:23

Nelle ultime 24 ore sono stati individuati 547 positivi in un solo giorno, il rapporto contagi/tamponi schizza al 17,65%. Quasi 8.300 persone in isolamento. Purtroppo si contano anche 4 vittime legate al coronavirus

31 ottobre - 04:01

Una ricerca dell'Ispi, l'Istituto per gli studi di politica internazionale prova a valutare dati alla mano l'ipotesi dell'isolamento per fasce d'età. Secondo una proiezione, imponendo un lockdown ai soli over 80 la mortalità da Covid verrebbe dimezzata, mentre l'isolamento per gli over 60 diminuirebbe di 10 volte la letalità del virus. Le criticità però non mancano

30 ottobre - 20:31

In Italia ci sono 11 Regioni classificate a rischio elevato, mentre Calabria, Lombardia, Piemonte e la provincia di Bolzano sono già entrate nello “scenario 4”, il peggiore. L’esperto del Ministero: “La percentuale dei positivi sui tamponi effettuati supera il 10% e non è un buon indicatore”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato