Contenuto sponsorizzato

Le rubano la borsa mentre è in chiesa a pregare per la madre defunta

E' successo a Roveré della Luna. Individuato l'autore del furto, un 50enne del posto, che al momento, però, è irreperibile 

Pubblicato il - 04 marzo 2018 - 10:21

ROVERE' DELLA LUNA. Le è stata rubata la borsetta mentre era in chiesa a pregare per la madre defunta. Vittima è stata una donna di 72 anni e il luogo del furto è la chiesa di Roveré della Luna. Il fatto è avvenuto lo scorso anno e l'altro ieri l'avvio del processo.

 

La donna si era recata in chiesa per pregare e si era seduta negli ultimi banchi appoggiando sulla panca la borsetta. Al termine della messa, però, non l'ha più trovata. Immediatamente la donna ha chiesto alle persone che le stavano attorno se qualcuno avesse visto qualcosa. Successivamente la borsa è stata ritrovata ma senza i soldi e il cellulare che si trovavano all'interno. 

 

La denuncia ha dato il via ad alcuni accertamenti delle forze dell'ordine che, grazie anche alle informazioni raccolte dai cittadini, sono riuscite ad individuare il responsabile, un 50enne di Roveré della Luna. La questione è finita davanti al giudice con un procedimento penale. L'udienza di venerdì è stata rinviata perché l'uomo risulta non reperibile e servono quindi ulteriori ricerche per la sua individuazione.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 16 novembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

17 novembre - 13:23

Ecco quali sono le strade chiuse in provincia di Trento e il livello neve sui diversi territori. Fiumi monitorati con Brenta e Leno osservati speciali (anche se i momenti di piena sono stati venerdì notte con portate anche dieci volte superiori al normale)

17 novembre - 13:44

L’incidente è avvenuto poco dopo le 19e30 di ieri, all’altezza di un incrocio che permette di immettersi nella Strada provinciale 34. Nello scontro sono rimasti coinvolti due veicoli, il ferito più grave risulta essere un 33enne

17 novembre - 05:01

Il disegno di legge voluto da Fugatti prevede, per chi ha ricevuto condanne superiori ai 5 anni, l’impossibilità di fare domanda per un alloggio Itea e la rescissione del contratto per coloro che già sono destinatari di un’abitazione, lo stesso principio lo si vorrebbe estendere a tutti i componenti del nucleo famigliare. Dura replica di Ianeselli: “C’è odore di incostituzionalità le famiglie dovrebbero essere aiutate non sbattute sulla strada”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato