Contenuto sponsorizzato

Legionella, nessuna presenza del batterio nell'acquedotto di Andalo. L'Azienda sanitaria rassicura i cittadini

Nel mese di agosto erano morte due persone anziane dopo aver contratto il batterio. Martedì 18 settembre due incontri per informare cittadini e albergatori sulle misure di prevenzione

Pubblicato il - 14 settembre 2018 - 15:57

TRENTO. "Nessuna presenza di legionella nell’acqua dell’acquedotto pubblico del Comune di Andalo", questi gli esiti delle analisi di laboratorio effettuate sui campioni prelevati nel corso dei controlli eseguiti in seguito alla segnalazione dei casi del mese scorso.

 

Casi che avevano suscitato un certo allarme nello scorso agosto, quando un turista di 84 e una donna di 82 erano morti per il contagio avvenuto nella zona di Andalo. L’Azienda provinciale per i servizi sanitari, in risposta ai dubbi sollevati da molti cittadini circa la potabilità dell’acqua, assicura che non esiste alcun rischio di contrarre il batterio bevendola perché la legionella non si trasmette per via orale ma per via respiratoria.

 

La legionella è una malattia causata da un batterio ubiquitario presente negli ambienti acquatici naturali e artificiali, che viene normalmente contratta per via respiratoria mediante inalazione di goccioline o aerosol. La malattia non si trasmette per via alimentare, bevendo acqua potabile, né attraverso contagio interumano, e il rischio di malattia è principalmente legato alla suscettibilità individuale: fattori predisponenti sono l’età avanzata, il fumo di sigaretta, la presenza di malattie croniche o l’immunodeficienza.

 

Le principali misure di prevenzione da adottare per prevenire il prolificare del batterio sono quelle di tenere la temperatura dell’acqua in caldaia almeno tra i 60 e 70 °C; far scorrere a inizio giornata l’acqua calda non miscelata per almeno 2-3 minuti, in particolare nel caso in cui l’impianto sia rimasto inutilizzato per molti giorni; accertarsi che la temperatura dell’acqua calda in uscita dal rubinetto sia tra i 50 e 60 °C; mantenere puliti e liberi da incrostazioni i terminali delle docce e dei rubinetti.

 

Per informare la cittadinanza sulla malattia e sulle misure di prevenzione utili a ridurre il rischio il Sindaco di Andalo ha promosso un incontro che si terrà nella Sala Cinema di Andalo martedì 18 settembre alle 20.30, in collaborazione il Dipartimento di prevenzione dell’Apss, un incontro pubblico che si terrà martedì 18 settembre.

 

Nello stesso giorno è inoltre previsto un incontro con i gestori di strutture ricettive sulle misure da attuare per ridurre il rischio di malattia nelle strutture turistiche.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 25 maggio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

26 maggio - 06:01

Dopo la decisa presa di posizione di Cgil, Cisl e Uil ma anche quella dell'Upt, duri i consiglieri provinciali dopo che l'assessora Stefania Segnana è intervenuta per scaricare (ancora una volta) le responsabilità sui medici e ha attaccato il presidente Marco Ioppi

25 maggio - 20:41

L'intervento della Pat si articola in due fasi. Critiche anche Uil e Nursing up: "Ci chiediamo dove siano finiti i finanziamenti economici aggiuntivi che la Provincia ha ricevuto in marzo e maggio dal governo di Roma per sanità e contrattazione, per non parlare poi dei 20 milioni già stanziati nelle finanziarie provinciali per il nuovo contratto del pubblico impiego 2019/2021 e poi soppressi"

25 maggio - 19:16

Ci sono 5.400 casi e 462 decessi in Trentino per l'emergenza coronavirus. I tamponi analizzati sono stati 675 (315 letti da Apss e 360 da Fondazione Mach) per un rapporto contagi/tampone a 0,15%

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato