Contenuto sponsorizzato

Lite tra pacifista trentina e leghista siciliana. Ecco il VIDEO. Lo 'scontro' all'arrivo di Salvini a Catania

Botta e risposta tra le due donne ripreso in un video pubblicato da La Sicilia: "No ai profughi, no alla sporcizia". "Ma non era Salvini che diceva che tu puzzi?"

Di db - 04 giugno 2018 - 09:56

CATANIA. Com'era prevedibile, la visita di Salvini in Sicilia, a poche ore dalla sua investitura a ministro degli Interni, ha suscitato molte polemiche. Le sue parole sono state riportate sulle prime pagine di tutti i giornali nazionali: "Meno arrivi, più rimpatri".

 

Tra le cronache della giornata siciliana di Salvini si riportano anche le contestazioni che gruppi di pacifisti e di sinistra hanno inscenato all'arrivo del nuovo titolare degli Interni. E sputa il video, pubblicato da La Sicilia, di uno 'scontro' che ha dell'incredibile, il rovesciamento delle parti: una siciliana leghista che si arrabbia con una trentina pacifista.

Quest'ultima - forse a Catania in vacanza o residente nell'isola ma originaria del Trentino - affronta la sostenitrice della Lega dicendole, riferita ai profughi: "Sono esseri umani". E la risposta della sicula non si è fatta attendere: "Ma se ne stiano a casa loro. Perché la sporcizia...".

 

Un riferimento, quello alla sporcizia, che alla pacifista trentina ha subito fatto venire in mente quando la Lega affermava che sporchi lo fossero i meridionali tutti. "Salvini - ha infatti gridato alla siciliana la trentina - è Salvini che ha detto che tu puzzi!".

 

"Io sono trentina - ha aggiunto - e tu sei siciliana. E' Salvini che ha detto 'Forza Etna'". Frasi e argomentazioni 'politiche' che andavano di moda nel carroccio quando 'Prima il Nord', 'Prima la Padania'. Ora la Lega è nazionale. "Io - si è difesa la leghista siciliana - puzzo del sudore del mio lavoro e non sono la parassita di nessuno". 

 

Ma a dire il vero anche 'parassita' era un termine che spesso i leghisti utilizzavano per descrivere i 'terroni'. Il mondo si è proprio rovesciato: una siciliana della Lega che litiga con una trentina pacifista. Mentre Salvini stringeva mani, si faceva i selfie e prometteva che "saranno tutti rimpatriati". 

 

Mentre si consumava l'ennesima tragedia del mare: nell'Egeo morivano nove persone, di cui sei bambini, e vicino alla coste libiche si raccoglievano i cadaveri di 47 persone morte naufragate prima di sbarcare sulle coste siciliane. 

 

 

 

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 22 settembre 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
22 September - 21:01
Sono state lunghe e articolate le indagini della polizia locale val di Fassa per ricostruire la dinamica dell'incidente. La coppia era in [...]
Politica
22 September - 21:29
L'editore Laterza a Ottoemezzo, programma di La7 condotto da Lilli Gruber, è tornato sulla kermesse dello scoiattolo: "Un Festival basato sulla [...]
Cronaca
22 September - 20:04
Trovati 38 positivi, 1 decesso nelle ultime 24 ore. Registrate 48 guarigioni. Sono 18 i pazienti in ospedale, di cui 3 ricoverati in [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato