Contenuto sponsorizzato

Manomesso il cronotachigrafo del mezzo pesante, a due autotrasportatori ritirata la patente

E' stata elevata anche una sanzione amministrativa di 1.698 euro. Sequestrata l'apparecchiatura

Pubblicato il - 26 aprile 2018 - 09:49

TRENTO. Facevano risultare il mezzo pesante fermo anche se invece era in movimento. A finire nei guai sono stati i conducenti di due autoarticolati di nazionalità italiana.

 

Nel corso dei controlli sul rispetto dei tempi di guida e dei limiti di velocità svolti dal Distaccamento Polizia Stradale di Riva del Garda, è stato accertato che i due autoarticolati avevano a bordo del mezzo un dispositivo illecitamente installato al fine di “ingannare” fraudolentemente il regolare funzionamento del cronotachigrafo tramite un’alterazione del sensore di movimento del mezzo.

 

Tale alterazione faceva risultare il mezzo fermo anche se, in realtà, si trovava in movimento, in modo tale da far apparire che le ore di guida figurate risultassero nettamente inferiori rispetto a quelle concretamente effettuate. Risultavano, inoltre, medie di velocità dei veicoli non corrispondenti a quelle reali.

 

Ai due conducenti è stata immediatamente ritirata la patente di guida ai fini della sospensione ( fino a tre mesi) ed elevata la sanzione amministrativa di 1.698 euro.

 

L’apparecchiatura in questione è stata sequestrata dagli operanti sul posto. Sono state, altresì, elevate le violazioni a carico dei proprietari del veicolo titolari dell’ autorizzazione al trasporto merci per conto di terzi. La sanzione, in questo caso, è stata di 815 euro.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 21 novembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

22 novembre - 12:52

Il consigliere del Movimento 5 Stelle deposita un'interrogazione molto impattante costruita, spiega nello stesso testo, ''su fonti autorevolissime''. E poi chiede anche se la Pat abbia intenzione fare denuncia e avviare un'indagine dopo che è stata data conferma di quanto aveva scoperto il Dolomiti: che il lupo ripescato nell'Avisio aveva zampe e testa recisa

21 novembre - 18:19

Una prima analisi dell'amministrazione comunale ha permesso di censire circa 191 seconde case a fronte di 993 abitanti. Zanetti: "Un numero significativo che già preannunciava una partenza interessante per il progetto. Speriamo di rafforzare le adesioni nel prossimo futuro" 

22 novembre - 15:30

La popolazione è quindi ancora invitata a ridurre gli spostamenti e, in ogni caso, a porre particolare attenzione alle condizioni dei luoghi percorsi. Eventuali situazioni di emergenza andranno comunicate al numero 112

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato