Contenuto sponsorizzato

Mentre pesca viene punto da una decina di vespe, 26enne finisce al Pronto soccorso

Il giovane, di Trento, stava trascorrendo una pomeriggio sull'Avisio quando è stato attaccato da uno sciame

Pubblicato il - 10 giugno 2018 - 14:31

TRENTO. Paura per un 26enne di Trento che mentre stava pescando è stato investito da uno sciame di vespe ricevendo diverse punture. Il giovane si trovava vicino a Cembra sull'Avisio. Ad un certo punto, è finito probabilmente senza saperlo, vicino ad un nido di vespe.

 

Una decina di queste hanno attaccato il ragazzo che è però riuscito a scappare non senza però essere vittima di diverse punture. Il fatto è avvenuto venerdì pomeriggio.

 

Il 26enne, subito dopo la brutta esperienza, ha iniziato a sentirsi male con bolle e macchie rosse su tutto il corpo. Si è recato immediatamente in ospedale per le cure del caso. Solo ieri mattina è riuscito a far ritorno a casa

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.31 del 13 novembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

13 novembre - 19:04

Dopo la storia che abbiamo raccontato di Gianpaolo e Laura sono stati molti i trentini che hanno deciso di offrire il proprio aiuto. Intanto anche oggi hanno trascorso la giornata al freddo. Tra le offerte di aiuto non è mancato anche chi ha deciso di informarsi per pagare una settimana alla coppia in ostello in un B&B dove poter dormire al caldo

13 novembre - 19:56

Il maltempo ha causato sia l’interruzione della fornitura esterna di energia elettrica, necessaria per la trazione dei treni e il funzionamento delle apparecchiature tecnologiche, sia la caduta di alberi sulla linea ferroviaria. Nella giornata odierna si sono registrati non pochi disagi per i viaggiatori, salvo imprevisti la linea dovrebbe essere riattivata nella mattinata di domani

 

13 novembre - 12:44

A esprimere forti perplessità sull'operazione i territori. E arriva la presa di posizione, pubblica, di Simone Santuari, presidente della comunità valle di Cembra a rappresentare anche le preoccupazioni di molti sindaci. Santuari: "Lavoriamo a consolidare il rapporto tra la valle di Cembra e la Rotaliana per cercare di costruire un percorso tra le due Comunità"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato