Contenuto sponsorizzato

Moria di trote lungo il Noce, intervengono i Vigili del Fuoco e la Forestale

All'altezza della Rupe di Mezzolombardo una decina di esemplari morti. Nei prossimi giorni l'Appa eseguirà le analisi su acqua e pesci

Foto il Dolomiti
Di Donatello Baldo - 01 luglio 2018 - 19:36

MEZZOLOMBARDO. L'allarme è stato dato da un giovane pescatore che si trovava sulle rive del Noce nella zona della Rupe. In un tratto del torrente, dove l'acqua scende più lentamente, ha notato una decina di trote morte. Ha, quindi, subito chiamato il 112 che ha provveduto ad inviare sul posto la Forestale.

 

Il timore era che la moria di pesci riguardasse altre zone e fosse forse dovuta a uno sversamento di liquidi tossici nelle acque. Dopo un sopralluogo, a cui hanno partecipato anche i Vigili del Fuoco, i responsabili di Appa e Associazione pescatori, si è potuto verificare che la zona interessata era circoscritta.

 

L'allarme, comunque, era reale e allora i tecnici hanno provveduto a prelevare dell'acqua e alcuni dei pesci per poter risalire alla causa di una tale moria. I campioni sono stati quindi prelevati e nei prossimi giorni saranno svolte le analisi sia sugli animali che sull'acqua per poter dare una risposta a questo accaduto e che ha colpito il tratto di torrente all'altezza di Mezzolombardo. Un torrente, purtroppo, tristemente famoso anche per i suoi problemi idrici e in qualche caso di inquinamento.

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 16 novembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

17 novembre - 13:23

Ecco quali sono le strade chiuse in provincia di Trento e il livello neve sui diversi territori. Fiumi monitorati con Brenta e Leno osservati speciali (anche se i momenti di piena sono stati venerdì notte con portate anche dieci volte superiori al normale)

17 novembre - 13:44

L’incidente è avvenuto poco dopo le 19e30 di ieri, all’altezza di un incrocio che permette di immettersi nella Strada provinciale 34. Nello scontro sono rimasti coinvolti due veicoli, il ferito più grave risulta essere un 33enne

17 novembre - 05:01

Il disegno di legge voluto da Fugatti prevede, per chi ha ricevuto condanne superiori ai 5 anni, l’impossibilità di fare domanda per un alloggio Itea e la rescissione del contratto per coloro che già sono destinatari di un’abitazione, lo stesso principio lo si vorrebbe estendere a tutti i componenti del nucleo famigliare. Dura replica di Ianeselli: “C’è odore di incostituzionalità le famiglie dovrebbero essere aiutate non sbattute sulla strada”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato