Contenuto sponsorizzato

Panarotta, dopo la morte di Bruno Paoli la famiglia chiede i danni alla società impiantistica

Il danno per il quale viene chiamata in causa la società Panarotta srl non è stato ancora quantificato, spetterà all'avvocato avanzare la richiesta tenendo conto che il poliziotto della stradale morto sulle piste ha lasciato la compagna e tre figli piccoli. Ma si parla di cifre che sfiorano il milione di euro

Pubblicato il - 01 marzo 2018 - 09:20

TRENTO. Da una parte c'è l'inchiesta penale, ancora in corso, dall'altra la richiesta risarcitoria avanzata dalla famiglia. Per la morte di Bruno Paoli, morto sulle piste della Panarotta in seguito a una caduta, la sua compagna ha deciso di rivolgersi all'avvocato Claudio Tasin per chiedere i danni. 

 

Per la famiglia quell'incidente poteva essere evitato mettendo in sicurezza le piste, segnalando adeguatamente le insidie del tracciato. Tracciato che dopo l'infortunio ad uno sciatore avvenuto qualche anno fa, per il quale la società ha pagato 280 mila euro, avrebbero dovuto essere state sistemate.

 

Il danno per il quale viene chiamata in causa la società Panarotta srl non è stato ancora quantificato, spetterà all'avvocato avanzare la richiesta tenendo conto che il poliziotto della stradale morto sulle piste ha lasciato la compagna e tre figli piccoli. Ma si parla di cifre che sfiorano il milione di euro.

 

Sul versante penale, la pm Maria Colpani continua l'indagine e all'inizio di febbraio aveva disposto il sequestro dell'impianto, riaperto successivamente soltanto dopo che la società ha effettuato alcune migliorie in ambito di sicurezza e segnaletica.

 

Gli indagati sono cinque: tra componenti della società e due dipendenti della Provincia, tutti accusati di omicidio colposo. 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 24 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

24 novembre - 19:26

Sono 478 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 42 pazienti sono in terapia intensiva e 51 in alta intensità. Sono stati trovati 143 positivi a fronte dell'analisi di 2.235 tamponi​ molecolari per un rapporto contagi/tamponi al 6,4%

24 novembre - 19:49

Un'operazione di questo tipo non era mai stata messa in campo nemmeno nella prima ondata ma la situazione è preoccupante e i positivi sono diversi sia tra i permanenti che nella protezione civile. Lo screening con tamponi molecolari avverrà a partire da mercoledì

24 novembre - 21:37

L'Apss ha elaborato nuove linee guida per la gestione dei casi positivi nei luoghi di lavoro. Un intervento sollecitato anche da Cgil, Cisl e Uil in quanto in materia Covid, isolamenti e quarantene le procedure sono diventate piuttosto caotiche

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato