Contenuto sponsorizzato

Piazza Dante, il cane antidroga delle Fiamme gialle riesce a fermare due giovani

L’attività delle Fiamme Gialle si inquadra nel potenziamento dei servizi di prevenzione e repressione antidroga che le Forze di Polizia stanno effettuando nel capoluogo trentino

Pubblicato il - 26 agosto 2018 - 09:28

TRENTO. Il fiuto di Apiol, il cane antidroga delle Fiamme Gialle di Trento, va ancora a segno e riesce a fermare due 30enni per spaccio.

 

L'operazione si è svolta in piazza Dante nella giornata di ieri. Il fiuto di Apiol ha puntato due giovani di una trentina d’anni, di origini algerine che, perquisiti, non avevano sostanze stupefacenti.

 

I Finanzieri, vista l’insistenza di Apiol nel segnalare la presenza di droga, hanno subito pensato al classico caso di “odore spento”: lo stupefacente non c’era, ma i due soggetti fermati dovevano averlo avuto addosso prima.

 

È scattata immediatamente la perquisizione nel domicilio dei due algerini, in via Caproni a Trento, dove sono stati trovati una dozzina circa di grammi di cocaina pura, avvolta in piccoli di varie dimensioni, oltre a 1.120,00 euro in contanti. La droga, ove collocata sul mercato con sostanze da taglio, avrebbe potuto fruttare fino a 600 euro.

 

Al termine delle operazioni i due algerini sono stati denunciati alla Procura per detenzione di sostanze stupefacenti ai fini di spaccio.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.27 del 27 Febbraio
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

28 febbraio - 19:20

La situazione si complica in Val di Cembra dove i contagi continuano a salire, soprattutto a Palù dove il 14 è coinciso con la ricorrenza del patrono. Si contano 79 nuovi casi a Trento e poi seguono Pergine, Arco, Lavis, Rovereto e Levico Terme 

28 febbraio - 20:11

Nel Comune di Giovo il rapporto contagi/residenti ha raggiunto il 3,3%, il sindaco non esclude l’entrata in vigore di misure più restrittive: Ci sono intere famiglie coinvolte, dove sia i genitori che i figli sono risultati positivi, forse ci sono un po’ meno anziani rispetto alle altre fasce d’età”

28 febbraio - 15:55

Il rapporto è doppio rispetto al livello medio nazionale e anche oggi si registrano 329 nuovi casi di cui 80 tra giovani in età scolare. In un giorno messe in quarantena ben 18 classi (venerdì erano 35 ieri 53)

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato