Contenuto sponsorizzato

Qui Primiero e San Martino: passo Brocon ancora bloccato, elettricità garantita con i generatori e si deve bollire l'acqua

Situazione in netto miglioramento. Evidente il danno ambientale e paesaggistico. Permangono poche criticità lungo alcune strade. Difficile valutare i tempi di riapertura del passo. Alcune famiglie ancora evacuate nel Vanoi

Di Luca Andreazza - 02 novembre 2018 - 13:29

PRIMIERO SAN MARTINO. Dopo la tregua di ieri piove ancora sul primierotto, ma ormai la piena emergenza è alle spalle e la macchina dei soccorsi, vigili del fuoco di zona in testa, sono al lavoro per gli interventi residuali. Ovviamente sono ingenti i danni tra corsi d'acqua esondati, tetti scoperchiati, alberi abbattuti e smottamenti. Anche qui il paesaggio è mutato, si ipotizza lo schianto di almeno 200 mila metri cubi di piante.

 

 

Restano alcune criticità relative alla viabilità, soprattutto verso il confine veneto, ma anche tra Primiero e San Martino, la strada principale è ancora attenzionata, il muro di sostegno è danneggiato e resta percorribile esclusivamente dai mezzi di emergenza, i tecnici sono al lavoro per verificare la stabilità e mettere tutto in sicurezza. Difficile prevedere i tempi di riapertura sul passo del Brocon.

 

Ore di paura in Primiero e San Martino

Permangono alcune difficoltà a Sagron Mis e nel Vanoi, dove l'elettricità non è ancora pienamente ristabilita e sono necessari i gruppi elettrogeni. Resta in tutto il territorio l'ordinanza di bollire l'acqua del rubinetto prima di usarla a fini alimentari in via precauzionale. Nei prossimi giorni, superata l'ondata di maltempo, i tecnici potranno procedere con le analisi chimiche.

 

Quella del Primiero è una comunità sempre molto unita, un unione rafforzata nel periodo di allerta rossa e assenza di elettricità: le caserme di pompieri sparse sul territorio sono diventate i punti di riferimento e di aggregazione per la popolazione, tra i pochi posti dove poter reperire informazioni aggiornate, consumare un pasto al caldo e poter telefonare.

 

Nei giorni più critici sono stati circa 150 i vigili del fuoco, oltre a tutte le forze dell'ordine e le unità coordinate dalla protezione civile in moto senza senza sosta per cercare di garantire la massima sicurezza e incolumità a tutti i cittadini. In via precauzionale alcune famiglie sono state evacuate, quasi tutte sono riuscite a rientrare nella propria abitazione, anche se ci sono ancora alcune problematiche da risolvere per alcuni nuclei.  

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.53 del 30 Maggio
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

01 giugno - 19:46

Ci sono 5.435 casi e 466 decessi in Trentino per l'emergenza coronavirus. I tamponi analizzati sono stati 685 (326 letti da Apss e 359 da Fondazione Mach) per un rapporto contagi/tamponi che si attesta a 0,44% di test positivi. Sono 3 i nuovi casi e nessun morto legato a Covid-19 nelle ultime 24 ore

01 giugno - 18:47

Preoccupano i mesi di settembre e ottobre con l'arrivo dell'influenza ma soprattutto gli affollamenti nei luoghi al chiuso. Ferro: "E' terreno fertile per il coronavirus, riconoscerlo dall'influenza è difficile per questo abbiamo impostato una vaccinazione di massa"

01 giugno - 18:40

Il presidente della Pat ha parlato a lungo anche della questione nidi e materne tradendo un pensiero evidentemente comune nella Giunta di vedere queste strutture come dei meri parcheggi di bambini. Tutto è ricollegato al tema economico: ''Così i genitori possono tornare a lavorare''. Si torna a circolare liberamente in regione

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato