Contenuto sponsorizzato

Rubano un'auto e cercano di sfondare il vetro di un tabacchino, poi si danno alla fuga

E' successo in via Pomeranos a Mattarello. Provvidenziale anche l'intervento del personale dell'hotel Adige, allarmati dal botto hanno avvisato forze dell'ordine e proprietari del punto vendita. I malviventi avevano anche rubato l'auto

Pubblicato il - 12 luglio 2018 - 16:11

MATTARELLO. Un fortissimo botto nel cuore della notte e una spaccata non riuscita. E' andato male il colpo per i malviventi che la notte scorsa hanno provato a introdursi all'interno del tabacchino di via Pomeranos a Mattarello.

 

E' successo intorno all'1, quando i ladri hanno provato a sfondare la vetrata dell'esercizio, ma il vetro anti-sfondamento ha retto l'urto e si è "solo" scardinato.

 

Il botto ha fatto scattare l'allarme sonoro collegato anche con il servizio di vigilanza, mentre nello stesso momento si è attivato il 'nebbiogeno', un fumo urticante, che si attiva insieme all'antifurto.

I malviventi non si sono fortunatamente preoccupati di staccare il sistema di sicurezza prima di compiere la spaccata perché probabilmente erano dotati di maschere anti-gas e in quanto confidavano di ripulire il punto vendita nel giro di pochi minuti.

 

Anche il forte rumore non è passato inosservato, anzi inascoltato: il personale dell'hotel Adige, insospettito dal botto, si è subito preoccupato di avvisare i proprietari del tabacchino e interessare tempestivamente le forze dell'ordine.

 

A quel punto per i ladri ci sarebbe voluto troppo tempo per scardinare definitivamente la vetrata per compiere il colpo, così i malviventi hanno desistito e si sono dati alla fuga. 

 

Nel frattempo sul posto sono arrivati i vigili del fuoco volontari di Mattarello, mentre i carabinieri dopo aver effettuato i rilievi hanno avviato le indagini per risalire agli autori del tentato furto.

 

Già nella notte l'auto dei malviventi è stata ritrovata, abbandonata in località La Roccia a Villazzano, con ancora i segni della spaccata andata a vuoto. Dopo i primi accertamenti, la vettura è però risultata rubata a Ravina.

 

Nonostante i ladri non siano riusciti a impadronirsi di nulla, sono ingenti i danni per i proprietari del tabacchino tra la pulizie del nebbiogeno e la sostituzione della vetrata anti-sfondamento.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 11 novembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

12 novembre - 13:53

In 10 anni spesi oltre 1,6 milioni di euro per borse di studio e contributi per soggiorni studio all'estero in favore dei figli di personale tecnico e amministrativo e dei collaboratori esperti linguistici. Per l'accusa, questi sussidi, sono stati erogati in maniera illegittima provocando un danno erariale, pertanto a risponderne sono stati chiamati due dipendenti dell'Università che hanno sottoscritto l'accordo in questione 

12 novembre - 13:12

E' avvenuto sull'Altopiano della Vigolana, dove il giovane risiedeva. Pedinato dai finanzieri, è stato fermato e ha tentato la fuga. La perquisizione dell'auto e della casa hanno così portato al rinvenimento di 7 etti di fumo, 15mila euro e due lingotti d'oro. Il soggetto era stato protagonista dell'efferato pestaggio di un militare al di fuori di un noto locale valsuganotto. Arrestato

12 novembre - 05:01

“Bene, è arrivata una nuova pollastrella” , sono queste le parole che Hope (nome di fantasia per motivi di sicurezza) ha sentito la mattina che ha capito di essere stata venduta alla mafia nigeriana. Aveva appena 18 anni quando è successo. E' stata costretta a spogliarsi, a farsi valutare come un oggetto all'asta da Madame, colei che si occupa del business nigeriano. Poi è finita sulla strada

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato