Contenuto sponsorizzato

Scuola evacuata a Mezzolombardo, potrebbe trattarsi di una bravata, ma domani si torna sui banchi di scuola

L'allarme era scattato intorno alle 10 alla scuola media in via degli Alpini. La macchina dei soccorsi è subito entrata in azione. Una quindicina le persone in ospedale per accertamenti precauzionali, una cinquantina tra studenti e insegnanti visitati e 260 persone evacuate

Di Luca Andreazza - 20 settembre 2018 - 16:34

MEZZOLOMBARDO. Tanta paura e apprensione alla scuola media di Mezzolombardo di via degli Alpini, una quindicina di ragazzi in ospedale per precauzione e una cinquantina di persone che hanno accusato bruciori e fastidio alle vie respiratorie.

 

"Fortunatamente - commenta il sindaco Christian Girardi - studenti e personale stanno bene, si tratta di controlli precauzionali. Tanta apprensione, ma tutto è finito per il verso giusto". 

 

Duecentosessanta persone evacuate, un campo medico mobile, sindaco, tecnici comunali, vigili del fuoco di zona, i permanenti di Trento e forze dell'ordine sul posto. Tutti in azione per una bravata.

 

Questa la conclusione alla quale sono arrivati pompieri e tecnici, i quali si sono prodigati per diverse ore al fine di trovare la sostanza inodore che all'improvviso ha causato tosse, bruciore agli occhi e sintomi di irritazione alle vie respiratorie.

 

"Tutto rientrato - continua il primo cittadino - forse si è trattato di un momento di esuberanza o forse si è accidentalmente rotto un dispositivo di sicurezza in dotazione a qualche giovane, ma è importante che la scuola sia sicura. Un ringraziamento ai soccorsi per la celerità e professionalità nei minuziosi controlli. Domani le lezioni possono riprendere senza problemi".

 

La nota positiva è quella che non si tratta di gas o monossido di carbonio, come inizialmente paventato dalle autorità. Un allarme scattato verso le 10, quando insegnanti e studenti hanno iniziato a sentirsi poco bene: qualche giovane ha azionato una bomboletta urticante oppure un dispositivo si è danneggiato e il gas si è rapidamente propagato nell'edificio

 

Dalla classe il gas si è propagato nel corso dell'evacuazione e la messa in moto del sistema di aerazione, fino a quel momento spento, avrebbe fatto il resto.

 

Forti bruciori e fastidi che hanno colpito anche i sindaco e tecnici dell'amministrazione comunale appena fatto ingresso nell'edificio per un sopralluogo. Diverse ore di lavoro per pompieri e soccorsi che hanno setacciato l'intero plesso per cercare di scovare le cause di questi malesseri, una situazione di particolare allarmante per il coinvolgimento di minori, ma soprattutto perché la struttura è praticamente nuova, recentemente rinnovata.

 

Le ispezioni si sono concentrate in particolar modo sui filtri dell'aria e alcuni bocchettoni, fino al rompete le righe e il rientro dell'allarme.

 

"I pompieri e i tecnici - conclude Girardi - hanno controllato tutti i sistemi e le apparecchiature. I vigili del fuoco hanno azionato inoltre le ventole in dotazione per areare le stanze e bonificare l'immobile. Tutto è nella norma: ragazzi e genitori possono stare tranquilli perché l'edificio è pienamente sicuro. Fortunatamente si può vedere il lato positivo se mi si passa una battuta, solitamente durante il periodo scolastico si fa un'esercitazione, quest'anno è stata fatta in grande stile e devo dire che la macchina dei soccorsi ha funzionato benissimo".

Video del giorno
Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 21 febbraio 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

23 febbraio - 05:01

L'assessore all'Istruzione delinea le coordinate della riforma: ''Punteremo sull'apprendimento linguistico in tenera età e sulla valorizzazione delle competenze dei professori''

23 febbraio - 11:50

Cinque associazioni hanno sottoscritto una lettera di protesta nei confronti della decisione della Provincia di bloccare il progetto di accoglienza per 24 donne ospitate a Lavarone e che saranno trasferite a Trento 

22 febbraio - 20:00

Nei prossimi mesi anche l'Arcidiocesi di Trento aprirà un nuovo sportello contro gli abusi interni alla chiesa. Nell'ultima relazione fatta dalla diocesi di Bolzano - Bressanone i casi di abusi sessuali e violenze sono stati undici  

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato