Contenuto sponsorizzato

Senza sosta per ''aiutare i nostri cugini'', il Primiero si mobilita a Livinallongo e Agordo

Passata la piena emergenza, i pompieri non hanno voluto sentire la stanchezza e si sono messi subito a disposizione delle comunità bellunesi. Circa 50 unità dei corpi di Canal San Bovo, Primiero San Martino, Imer, Mezzano e Sagron Mis

Di Luca Andreazza - 11 novembre 2018 - 22:02

LIVINALLONGO. "Ci siamo sentiti in dovere di aiutare i nostri cugini bellunesi", spiega Paolo Cosner, ispettore distrettuale dei vigili del fuoco del Primiero, che aggiunge: "Ci lega una storica tradizione di amicizia e nel momento del bisogno ci si aiuta tutti, sempre. Inoltre la cittadinanza ci ha accolto benissimo e questo ci ripaga degli sforzi".

 

Una storia che si aggiunge a quella del corpo di Mezzolombardo, Cles, Fondo e Malè (Qui articolo) e i pompieri della Val di Fassa (Qui articolo). Dietro la semplicità di queste parole si nasconde tantissima solidarietà. La zona di Primiero San Martino di Castrozza e Vanoi è stata tra le zone più flagellate dall'ondata di maltempo.

 

Ma passata la piena emergenza (Qui articolo), i pompieri non hanno voluto sentire la stanchezza e si sono messi subito a disposizione delle comunità bellunesi. Circa 50 unità dei corpi di Canal San Bovo, Primiero San Martino, Imer, Mezzano e Sagron Mis si sono dirette alla volta di Livinallongo e Agordo.

 

I pompieri del Primiero nel bellunese per riparare abitazioni, chiese e parrocchie

"Appena possibile - dice l'ispettore - risolte le tante criticità sul nostro territorio, ci siamo organizzati per andare dai nostri vicini. Ci siamo confrontati e sentiti spesso durante la piena emergenza e appena possibile abbiamo preso armi e bagagli per dirigerci nel bellunese".

 

Senza sosta e soluzione di continuità, per aiutare sempre. "Ci siamo messi a disposizione - evidenzia l'ispettore - soprattutto per le coperture delle abitazioni private e pubbliche, come chiese e parrocchie, forti della nostra esperienza nel settore della carpenteria: lavori di prima necessità e urgenti, anche per l'avvicinarsi dell'inverno e per permettere alle famiglie di rientrare in casa o restare nell'edificio in piena sicurezza".

 

Una proposta accolta con entusiasmo dai pompieri, che volontari e dopo giorni faticosi, non si tirano mai indietro, instancabili. "Il distretto - conclude Cosner - può vantare circa 150 unità e, compatibilmente con gli impegni quotidiani, un terzo si è diretto oltre confine per aiutare i nostri amici. Mettiamo a disposizione più che volentieri materiali e manualitàpreparazione e professionalità. Nel momento del bisogno ci si aiuta sempre".

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 24 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

24 ottobre - 18:59

Le incertezze sembrano riguardare un po' tutto l'apparato organizzativo. Bruno Bizzaro: "Il nocciolo di tutto è naturalmente la sicurezza di operatori, pazienti e clienti. Non tutte le farmacie dispongono di locali separati che possono essere adibiti per questo scopo e che possono essere sanificati regolarmente"

24 ottobre - 19:44

Nelle ultime 24 ore sono stati trovati 162 positivi a fronte dell'analisi di 2.513 tamponi molecolari per un rapporto contagi/tamponi a 6,45%. Sono 71 le persone che presentano sintomi. Ci sono 63 pazienti in ospedale e 4 in terapia intensiva

24 ottobre - 19:17

In serata atteso l’intervento di Conte per annunciare le nuove misure restrittive: la bozza del Dpcm (ALL’INTERNO) prevede la sospensione delle attività per piscine, centri benessere e centri ricreativi. Per contrastare la diffusione del contagio alle superiori la didattica digitale integrata passa al 75% sul totale delle lezioni

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato