Contenuto sponsorizzato

Senza sosta per ''aiutare i nostri cugini'', il Primiero si mobilita a Livinallongo e Agordo

Passata la piena emergenza, i pompieri non hanno voluto sentire la stanchezza e si sono messi subito a disposizione delle comunità bellunesi. Circa 50 unità dei corpi di Canal San Bovo, Primiero San Martino, Imer, Mezzano e Sagron Mis

Di Luca Andreazza - 11 novembre 2018 - 22:02

LIVINALLONGO. "Ci siamo sentiti in dovere di aiutare i nostri cugini bellunesi", spiega Paolo Cosner, ispettore distrettuale dei vigili del fuoco del Primiero, che aggiunge: "Ci lega una storica tradizione di amicizia e nel momento del bisogno ci si aiuta tutti, sempre. Inoltre la cittadinanza ci ha accolto benissimo e questo ci ripaga degli sforzi".

 

Una storia che si aggiunge a quella del corpo di Mezzolombardo, Cles, Fondo e Malè (Qui articolo) e i pompieri della Val di Fassa (Qui articolo). Dietro la semplicità di queste parole si nasconde tantissima solidarietà. La zona di Primiero San Martino di Castrozza e Vanoi è stata tra le zone più flagellate dall'ondata di maltempo.

 

Ma passata la piena emergenza (Qui articolo), i pompieri non hanno voluto sentire la stanchezza e si sono messi subito a disposizione delle comunità bellunesi. Circa 50 unità dei corpi di Canal San Bovo, Primiero San Martino, Imer, Mezzano e Sagron Mis si sono dirette alla volta di Livinallongo e Agordo.

 

I pompieri del Primiero nel bellunese per riparare abitazioni, chiese e parrocchie

"Appena possibile - dice l'ispettore - risolte le tante criticità sul nostro territorio, ci siamo organizzati per andare dai nostri vicini. Ci siamo confrontati e sentiti spesso durante la piena emergenza e appena possibile abbiamo preso armi e bagagli per dirigerci nel bellunese".

 

Senza sosta e soluzione di continuità, per aiutare sempre. "Ci siamo messi a disposizione - evidenzia l'ispettore - soprattutto per le coperture delle abitazioni private e pubbliche, come chiese e parrocchie, forti della nostra esperienza nel settore della carpenteria: lavori di prima necessità e urgenti, anche per l'avvicinarsi dell'inverno e per permettere alle famiglie di rientrare in casa o restare nell'edificio in piena sicurezza".

 

Una proposta accolta con entusiasmo dai pompieri, che volontari e dopo giorni faticosi, non si tirano mai indietro, instancabili. "Il distretto - conclude Cosner - può vantare circa 150 unità e, compatibilmente con gli impegni quotidiani, un terzo si è diretto oltre confine per aiutare i nostri amici. Mettiamo a disposizione più che volentieri materiali e manualitàpreparazione e professionalità. Nel momento del bisogno ci si aiuta sempre".

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
05 febbraio - 19:39
Dopo 25 anni dal tragico accadimento l’amministrazione sceglie di interrompere gli eventi pubblici per ricondurre le celebrazioni alla sfera [...]
Montagna
05 febbraio - 19:42
A causa del distacco di valanghe, si contano molte morti ma anche un numero elevato di persone travolte. Arianna Sittoni, 30enne di [...]
Cronaca
05 febbraio - 19:22
La testimonianza di un residente del comune nella bassa Val di Non: "Era già successo due settimane prima che avessero provato a entrare in [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato