Contenuto sponsorizzato

Senza sosta per ''aiutare i nostri cugini'', il Primiero si mobilita a Livinallongo e Agordo

Passata la piena emergenza, i pompieri non hanno voluto sentire la stanchezza e si sono messi subito a disposizione delle comunità bellunesi. Circa 50 unità dei corpi di Canal San Bovo, Primiero San Martino, Imer, Mezzano e Sagron Mis

Di Luca Andreazza - 11 novembre 2018 - 22:02

LIVINALLONGO. "Ci siamo sentiti in dovere di aiutare i nostri cugini bellunesi", spiega Paolo Cosner, ispettore distrettuale dei vigili del fuoco del Primiero, che aggiunge: "Ci lega una storica tradizione di amicizia e nel momento del bisogno ci si aiuta tutti, sempre. Inoltre la cittadinanza ci ha accolto benissimo e questo ci ripaga degli sforzi".

 

Una storia che si aggiunge a quella del corpo di Mezzolombardo, Cles, Fondo e Malè (Qui articolo) e i pompieri della Val di Fassa (Qui articolo). Dietro la semplicità di queste parole si nasconde tantissima solidarietà. La zona di Primiero San Martino di Castrozza e Vanoi è stata tra le zone più flagellate dall'ondata di maltempo.

 

Ma passata la piena emergenza (Qui articolo), i pompieri non hanno voluto sentire la stanchezza e si sono messi subito a disposizione delle comunità bellunesi. Circa 50 unità dei corpi di Canal San Bovo, Primiero San Martino, Imer, Mezzano e Sagron Mis si sono dirette alla volta di Livinallongo e Agordo.

 

I pompieri del Primiero nel bellunese per riparare abitazioni, chiese e parrocchie

"Appena possibile - dice l'ispettore - risolte le tante criticità sul nostro territorio, ci siamo organizzati per andare dai nostri vicini. Ci siamo confrontati e sentiti spesso durante la piena emergenza e appena possibile abbiamo preso armi e bagagli per dirigerci nel bellunese".

 

Senza sosta e soluzione di continuità, per aiutare sempre. "Ci siamo messi a disposizione - evidenzia l'ispettore - soprattutto per le coperture delle abitazioni private e pubbliche, come chiese e parrocchie, forti della nostra esperienza nel settore della carpenteria: lavori di prima necessità e urgenti, anche per l'avvicinarsi dell'inverno e per permettere alle famiglie di rientrare in casa o restare nell'edificio in piena sicurezza".

 

Una proposta accolta con entusiasmo dai pompieri, che volontari e dopo giorni faticosi, non si tirano mai indietro, instancabili. "Il distretto - conclude Cosner - può vantare circa 150 unità e, compatibilmente con gli impegni quotidiani, un terzo si è diretto oltre confine per aiutare i nostri amici. Mettiamo a disposizione più che volentieri materiali e manualitàpreparazione e professionalità. Nel momento del bisogno ci si aiuta sempre".

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 29 maggio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

29 maggio - 18:51

Le disposizioni valide fino al 15 ottobre riguardano lo svolgimento di eventi, competizioni sportive, manifestazioni, convegni, rassegne e iniziative di carattere sovra-regionale, nazionale o internazionale, previsti negli spazi chiusi o all'aperto. Se si vuole provare a organizzare qualcosa è eventualmente necessario seguire protocolli e seguire linee guida speciali

29 maggio - 21:27

Troppo gravi le ferite riportate nel tamponamento, nonostante il tempestivo intervento della macchina dei soccorsi e le successive cure in ospedale, il 67enne si è spento. Le autorità hanno già provveduto a informare l'ambasciata di riferimento per le procedure e gli iter del caso

29 maggio - 19:24

Non sono stati registrati decessi legati a Covid-19 nelle ultime 24 ore. Nessun minorenne tra i nuovi infetti. A Storo ci sono 124 casi da inizio epidemia. Complessivamente ci sono 5.429 casi e 466 decessi

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato