Contenuto sponsorizzato

Skiarea San Martino: siglato l'accordo da oltre 13 milioni per il rilancio: 7,5 sono a carico del pubblico

Riqualifica degli impianti sciistici e cabinovia da San Martino a Val Bona. L'obiettivo è chiudere la progettazione entro il 2018 e il prossimo passo è il collegamento con Passo Rolle

Pubblicato il - 25 marzo 2018 - 18:54

TRENTO. Rilancio della skiarea di San Martino e telecabina di collegamento tra San Martino e Val Bona. E' questo che prevede l'accordo del valore di 13 milioni e 250mila euro siglato nel pomeriggio di venerdì 23 marzo.

 

Una partnership pubblico-privata per riqualificare il comprensorio sciistico di San Martino, già condivisa nel suo impianto generale con la comunità locale, gli operatori economici e i soggetti coinvolti nel corso nell'incontro pubblico del 9 febbraio scorso a Tonadico.

 

Capofila del progetto sono state la Provincia di Trento e Trentino Sviluppo, che hanno spinto per il coinvolgimento di Imprese e Territorio Srl, una società costituita da un’ampia rappresentanza di operatori locali, e il sistema del credito cooperativo rappresentato dalla Finanziaria Trentina della Cooperazione, da Cassa Centrale Banca e dalla Cassa Rurale Dolomiti di Fassa, Primiero e Belluno.

 

Il protocollo d’intesa è stato sottoscritto dall’assessore provinciale all'agricoltura, foreste, turismo e promozione Michele Dallapiccola, dal vicepresidente di Trentino Sviluppo Fulvio Rigotti, dal presidente di Imprese e Territorio Cristian Marin, presidente di Finanziaria Trentina della Cooperazione Renato Dalpalù, Giorgio Fracalossi, presidente di Cassa Centrale Banca e Carlo Vadagnini, presidente Cassa Rurale Dolomiti di Fassa, Primiero e Belluno.

“Si tratta di un nuovo passo avanti all’interno di un impegno preso – ha sottolineato l’assessore Dallapiccola - in questa nuova fase la Provincia accompagna il territorio e le imprese per il rilancio della skiarea di San Martino di Castrozza. Il prossimo passo sarà il collegamento con Passo Rolle. L’obiettivo è quello di arrivare entro l’anno alla progettazione definitiva di questa opera strategica per l’intero territorio”.

 

Le parti, attraverso la società veicolo dell'intervento Partecipazioni Territoriali, concludono così un’importante tappa del percorso di rilancio della skiarea che era stato avviato nel 2015 con il Protocollo di intesa e pongono le basi per un nuovo progetto di investimento sostenuto da un consistente piano di finanziamento che vede il pubblico intervenire con 7,5 milioni di euro e i vari soggetti privati, operatori economici locali ed istituti di credito, investire complessivamente 5 milioni e 750 mila euro.

 

Nel dettaglio, Trentino Sviluppo interverrà in equity nella società impiantistica per 5,5 milioni di euro, impegnandosi inoltre a sottoscrivere un prestito obbligazionario convertibile per ulteriori 2 milioni di euro.

 

Il settore privato degli operatori locali, veicolati sulla società Imprese e Territorio, acquisterà equity per 3 milioni e 950 mila euro, mentre il sistema bancario interverrà con convertendo in equity 1 milione e 800 mila euro, ridefinendo inoltre il debito residuo a condizioni particolarmente agevolate.

 

Le risorse finanziarie saranno destinate alla realizzazione del piano di investimento 2018 ed in particolare alla realizzazione della nuova cabinovia Bellaria-Valbonetta, denominata Colbricon Express, un’opera da 8 milioni di euro per la quale si è recentemente conclusa la parte amministrativa preliminare all’emissione del bando di fornitura.

 

Con l’accordo di oggi è stata infine raggiunta anche un’intesa sulla governance aziendale che vedrà rappresentati all’interno degli organi sociali tutti i soggetti protagonisti dell’operazione.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 21 settembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

23 settembre - 19:10

A lanciarlo il segretario del Partito Autonomista: "Assieme possiamo fare anche massa critica per portare avanti un certo tipo di istanze".  L'appello è rivolto alle forze di centro e autonomiste. Il segretario: "Assistiamo ad un crescendo di malessere tra i moderati nei confronti dei partiti nazionali''

23 settembre - 19:09

Il 19 settembre 2019 il Parlamento approva una mozione che mette sullo stesso piano in nome della memoria condivisa il nazionalsocialismo e il comunismo. Ma la misura, volta a compiacere i governi dell'Est Europa, non comprende la complessità della Storia

23 settembre - 16:12

L’esplosione si è verificata questa mattina in un supermercato a St.Jodok, sul versante austriaco del Brennero. Secondo la prima ricostruzione la causa dell’incidente sarebbe da ricondurre a degli operai che hanno inavvertitamente bucato un tubo del gas provocando la deflagrazione

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato