Contenuto sponsorizzato

Torna Poplar, il festival organizzato alle Albere dagli studenti universitari: ''Due giorni di festa, musica, sport e cultura''

Si terrà al parco delle Albere il 26 e 27 settembre. Dopo il successo della prima edizione quest'anno gli organizzatori hanno deciso di raddoppiare con due giorni di eventi.  Tra le novità gli incontri con intellettuali, poeti, scrittori e ricercatori universitari ma anche tanto sport e musica   

Di Giuseppe Fin - 29 agosto 2018 - 11:41

TRENTO. Musica divertimento, ma anche tanti incontri culturali, dibattiti e workshop. Tra circa un mese a Trento tornerà il Poplar Festival, la creatura nata dall'impegno degli studenti universitari trentini che lo scorso anno per la prima volta hanno dato vita ad un evento con il coinvolgimento di tutte le associazioni universitarie.

 

Un successo mai visto prima, un evento che nel 2017 era riuscito a riempire il parco delle Albere, quando erano stati registrati circa 10 mila passaggi. Quest'anno gli organizzatori non solo hanno deciso di riproporre l'iniziativa, ma l'hanno anche raddoppiata. Poplar Festival, che vede ildolomiti.it come media partner, si terrà infatti su due giorni, il 26 e il 27 di settembre.

 

Ancora una volta l'intera organizzazione è portata avanti in modo volontario dagli studenti di tutte le facoltà e di tutte le realtà universitarie, che per un migliore coordinamento, quest'anno hanno deciso di dare vita a loro volta ad una associazione che ha come unico scopo quello di seguire l'organizzazione del festival.

 

Il luogo rimane sempre lo stesso: il parco delle Albere. Nelle prossime settimane sarà reso pubblico l'intero programma delle attività messe in campo e non mancheranno le sorprese.

 

“Sarà ovviamente tutto raddoppiato – spiegano gli organizzatori – e la musica per le due serate vedrà tipologie diverse da indipendente a pop”. In molti si esibiranno sopra al palco che verrà istallato alle Albere. Tra i protagonisti già annunciati sulla pagina facebook dell'evento ci sono Nitro Wilson, GaleffiEugenio in Via Di Gioia, Francesco De Leo, Rovere, Barriga, Coma Cose, Joan Thiele e Masamasa.

 

Tra le tante novità di questi due giorni imperdibili ci sono gli eventi culturali offerti dall'organizzazione con la presentazione di libri, interventi di filosofi, scrittori, poeti, ricercatori universitari e intellettuali.

 

I temi trattati saranno davvero molti e interessati e non mancherà nemmeno l'ironia. Accanto agli incontri saranno avviati diversi workshop. L'obiettivo è quello di coinvolgere l'intera città per creare un momento di contatto, di dialogo e confronto tra i residenti e studenti. Il tutto dalle 14 alle 18 di ogni giorno.

Per i più sportivi ci sarà l'occasione di divertirsi con il Poplar Sport. A prendere parte all'evento ci saranno diverse realtà sportive a partire da UnisportTrentino Volley e l'Aquila Basket. Nelle due giornate il parco delle Albere si trasformerà inoltre in una vera e propria piazza delle associazioni dove si potranno conoscere progetti e chiedere informazioni di ogni genere. Il tutto, ovviamente, con un servizio di food&beverage con prezzi da “fuori sede” assicurano dall'organizzazione.

 

Queste sono solo alcune delle novità che arriveranno con il Poplar Festival il 26 e il 27 settembre. L'intero evento, organizzato come già detto in maniera volontaria dagli studenti con l'aiuto degli sponsor e grazie anche al supporto di enti pubblici come la Provincia e Comune di Trento, Fondazione Caritro ed altri enti pubblici e sponsor privati , avrà l'ingresso gratuito.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 25 maggio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 maggio - 20:41

L'intervento della Pat si articola in due fasi. Critiche anche Uil e Nursing up: "Ci chiediamo dove siano finiti i finanziamenti economici aggiuntivi che la Provincia ha ricevuto in marzo e maggio dal governo di Roma per sanità e contrattazione, per non parlare poi dei 20 milioni già stanziati nelle finanziarie provinciali per il nuovo contratto del pubblico impiego 2019/2021 e poi soppressi"

25 maggio - 19:16

Ci sono 5.400 casi e 462 decessi in Trentino per l'emergenza coronavirus. I tamponi analizzati sono stati 675 (315 letti da Apss e 360 da Fondazione Mach) per un rapporto contagi/tampone a 0,15%

25 maggio - 18:12
I tamponi analizzati sono stati 675 per un rapporto contagi/tampone che si attesta a 0,15%, il dato più basso da inizio epidemia. Un positivo nelle ultime 24 ore. Il Trentino si porta complessivamente a 5.400 casi e 462 decessi da inizio emergenza coronavirus
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato