Contenuto sponsorizzato

Tragedia a Genova, il crollo del ponte è stato un ''errore umano''. Tre bambini tra le vittime

Hanno lavorato tutta la notte i soccorritori per estrarre dalla macerie i corpi delle persone ed eventuali superstiti 

Pubblicato il - 15 agosto 2018 - 12:21

GENOVA. Nessuna fatalità ma “un errore umano”, queste le parole usate dal Procuratore Capo di Genova, Francesco Cozzi, sulla tragedia che si è verificata ieri e che ha visto il crollo del ponte Morandi.

A seguito di un sopralluogo, il procuratore ai microfoni dei giornalisti ha aggiunto : “Noi dobbiamo rispondere a una sola domanda: perché è successo? Questo è il nostro compito e per farlo faremo tutto quello che è necessario”.

 

Intanto proseguono senza sosta i soccorsi tra le macerie del ponte. Il bilancio rimane ancora provvisorio ma gli ultimi dati diffusi dalla Prefettura parlano di 39 vittime, di cui cinque non ancora identificate. Tre bambini di 8, 12 e 13 anni sono morti.

Crolla il ponte Morandi sull'autostrada A10

 

 

Le ricerche dei corpi e di eventuali superstiti proseguiranno nelle prossime ore.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 26 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 novembre - 13:11

L'Austria vuole tenere aperti gli impianti, mentre in Svizzera si scia già. L'epidemiologo Lopalco a Piazza Pulita si è confrontato con Corona e ha spiegato: "Un centinaio di persone ammassate vicino ad un impianto di risalita rappresentano la condizione perfetta per la trasmissione del virus. Vale più la salute o l’economia?"

26 novembre - 13:12

La sperimentazione è iniziata domenica 22 novembre, giornata di sensibilizzazione per il sostentamento del clero, a Cicognara in provincia di Mantova che rientra nella diocesi di Cremona. Niente monetine nella cesta delle offerte, ma un pagamento tracciato attraverso bancomat e carte di credito: "E' garantito l'anonimato e si può dedurre la spesa". VIDEO ALL'INTERNO

27 novembre - 11:20

Ad essere coinvolte nel progetto promosso dalla Libera Università di Bolzano, è stata una classe della scuola primaria Nicolodi di Trento, una dell’istituto Bachlechner di Brunico e un gruppo di bambini giapponesi coetanei

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato