Contenuto sponsorizzato

Tragedia in Val di Fassa, muore un alpinista. Il compagno di cordata sotto shock

La tragedia è avvenuta intorno alle 17 lungo la via Dibona sul Sass Pordoi. L'allarme lanciato dal compagno di cordata portato in ospedale in stato di shock

Pubblicato il - 29 August 2018 - 19:02

PORDOI. Tragedia sul Pordoi intorno poco prima delle 17, un alpinista ha perso la vita.

 

Un uomo di 52 anni stava percorrendo la via Dibona sul Sass Pordoi in Val di Fassa, quando ha perso l'appiglio a due tiri di corda dalle vette. A quel punto è precipitato per circa 20 metri.

 

Immediato l'allarme lanciato dal compagno di escursione e il Soccorso alpino è subito entrato in azione. Il personale tecnico ha inoltre attivato l'elicottero dell'Aiut Alpin Dolomites per effettuare una ricognizione e individuare l'alpinista.

Una volta individuato l'uomo, gli uomini del Soccorso alpino si sono verricellati sul luogo del ritrovamento.

 

Il personale sanitario non ha potuto far altro che constatare il decesso del 52enne, fatali le ferite riportate nella caduta. 

 

Il compagno di cordata di 53 anni è stato trasportato all'ospedale sotto shock, mentre il corpo è stato portato alla camera mortuaria di Canazei.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

24 January - 05:01

Dalle versioni contraddittorie di Pat e Apss alla conferma del Ministero della Salute che sottolinea: “Il tampone molecolare di controllo deve essere fatto nel più breve tempo possibile. Su questo non c’è dubbio. Non mettiamo un limite temporale, ma possibilmente entro 24-48 ore”. Eppure in Trentino è stato dimostrato che servono almeno 10 giorni

24 January - 09:23

Dopo la morte di Matiu la dura presa di posizione de Il gioco degli specchi: “È inaccettabile che una persona muoia di freddo, soprattutto in uno dei Paesi più ricchi del mondo e in una Provincia come la nostra. Nel mirino anche Segnana che sostiene che i posti letto sia sufficienti: “Le persone costrette a dormire all’aperto sono ancora tante”

24 January - 08:17

La giovane ha consegnato agli inquirenti i vestiti che Benno la sera del 4 gennaio aveva lasciato a casa sua per essere lavati. Intanto continuano senza sosta le ricerche dei corpi dei due coniugi 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato