Contenuto sponsorizzato

Trento come Pergine? Arriva la petizione per mettere i passaggi pedonali/ciclabili rialzati. Oss Emer: ''Noi abbiamo azzerato gli incidenti''

La petizione lanciata sulla piattaforma change.org da un membro dell'associazione Trentoinbici. Michele Brugnara: "Ormai la segnaletica stradale non basta. Bisogna tutelare la sicurezza di ciclisti e pedoni"

Di Luca Andreazza - 16 agosto 2018 - 20:30

TRENTO. Sono già 400 le firme raccolte nella petizione per chiedere la posa di passaggi pedonali/ciclabili rialzati e dossi rallentatori alti. Un'iniziativa lanciata da Delfin Migala, membro dell'associazione Trentoinbici, in grado di riscuotere un discreto successo e approvazione in pochissimo tempo.

 

Il primo risultato è stato raggiunto, cioè le 200 sottoscrizioni minime per portare l'iniziativa all'attenzione di Alessandro Andreatta, sindaco di Trento (Qui petizione). Si parte dal fatto che sono tanti gli investimenti di pedoni e ciclisti in città, l'ultimo nei giorni scorsi in via S. Croce alle porte di piazza Fiera. 

 

"La segnaletica agli attraversamenti pedonali e ciclabili non è più sufficiente: gli automobilisti corrono troppo lungo le nostre strade", commenta Michele Brugnara, consigliere comunale del Pd e tra gli aderenti all'associazione formata da consiglieri, rappresentanti di circoscrizioni e referenti di tante associazioni impegnate a promuovere la mobilità sostenibile, come Fiab, Trentino arcobaleno, Comitato campotrentino, ma anche da tantissimi cittadini.

 

"Spesso a rimetterci - aggiunge il consigliere comunale - sono i soggetti più deboli, come bambini e anziani: servono queste misure fisiche per far ridurre la velocità ai conducenti delle vetture. E' necessario diffondere una maggiore sensibilità per salvaguardare l'incolumità di pedoni e ciclisti".

 

Gli esempi sono via Sant'Anna e via Sommarive, passaggi rialzati troppo bassi, che non riescono a frenare le macchine, che continuano a sfrecciare a 70/80 km/h, nonostante il limite a 50 km/h.

 

"I punti critici - evidenzia il consigliere comunale - sono tanti. Sono tanti gli attraversamenti ciclopedonali che presentano alcune criticità tra vegetazione e passi carrabili che limitano la visibilità a persone e conducenti d'auto, strade a alta percorrenza. La realizzazione di attraversamenti ciclabili rialzati sarebbe la soluzione ideale in quanto obbligherebbe gli automobilisti a fermarsi per permettere a pedoni e ciclisti di proseguire il tragitto in sicurezza".

 

La petizione mette in luce tanti passaggi difficoltosi per l'alta densità di pedoni e il passaggio di tanti veicoli, soprattutto in prossimità di luoghi sensibili, quali scuole, asili, chiese e parrocchie. Da viale Veronavia 4 Novembre, da via Degasperivia della Resistenza, da via Venetovia Caneppele, da via Maccani via Perini, sono tantissime le strade nel mirino. 

 

"Questa proposta - dice Brugnara - non è una soluzione per creare disagio agli automobilisti, ma un modo per educarli al rispetto di pedoni e ciclisti, ma soprattutto rispetto ai limiti di velocità nei centri urbani". 

 

E l'esempio che viene preso in considerazione è il Comune di Pergine, dove i passaggi pedonali/ciclabili rialzati sono già realtà. "Una misura che funziona - riconosce il sindaco Roberto Oss Emer - in viale Dante, una strada dove ci sono stati morti e feriti gravi, abbiamo azzerato gli incidenti".

 

Tra le critiche a questi provvedimenti il fatto che trasporto pubblico e soccorsi potrebbero trovarsi in difficoltà. "Nessuno di tutto questo - spiega il primo cittadino - monitoraggi, confronti e dati ci dimostrano che questa mossa è azzeccata, poi quelli che si lamentano ci sono sempre, ma è una decisa minoranza".

 

Quindi la strada è tracciata. "Compatibilmente con le risorse a bilancio e le situazioni - aggiunge il sindaco - l'intenzione è quella di realizzare altri passaggi rialzati in zone critiche. Pergine deve diventare sempre di più a misura di bambino".

 

Ma quanto costano i passaggi rialzati? "Dipende dalla situazione e se bisogna intervenire sull'intercettazione delle acqua. Si va - conclude Oss Emer - dal costo dei materiali a opere più consistenti, ma le risorse da investire si aggirano tra i 2.500 ai 10 mila euro massimo".

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.53 del 30 Maggio
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

31 maggio - 19:26

Dai costi elevati alla mancanza di un progetto ben definito problemi e possibili soluzioni per “l’Amazon trentina”. L’esperto: “Come per qualsiasi attività commerciale, o vi è un profitto o non c’è motivo per cui debba rimanere aperta. L’online è una risorsa, non una minaccia, ma solo se la si sa utilizzare nelle misure e nei contesti adeguati”

31 maggio - 19:25

Non sono stati registrati decessi nelle ultime 24 ore, il quarto giorno consecutivo senza morti legati a Covid-19. Ci sono 5.432 casi e 466 decessi in Trentino per l'emergenza coronavirus. I tamponi analizzati sono stati 1.910 per un rapporto contagi/tampone che si attesta a 0,05%

31 maggio - 19:23

Si tratta di Guido Casarotto. L'uomo era a bordo di una delle due macchine che il 25 maggio si erano scontrate sulla strada provinciale 235 all'altezza di Lavis

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato