Contenuto sponsorizzato

Trento, la Guardia di finanza ferma un 23enne per spaccio di droga

Durante un pattugliamento notturno ritrovata in piazza Dante una dose abbandonata di hashish

Pubblicato il - 15 febbraio 2018 - 18:55

TRENTO. Detenzione illegale di stupefacenti, questa la denuncia alla quale dovrà rispondere un 23enne tunisino che ieri attorno alle 18 è stato fermato dalla Guardia di finanza di Trento durante un controllo antidroga nelle zone della Stazione ferroviaria di Trento.

 

Attorno alle 18, l'unità cinofila della Guardia finanza, formata dai cani Apiol e Gabriel, hanno puntato il giovane. Dopo essere stato fermato, al tunisino è stato trovato circa mezzo etto di hashish. Immediatamente è scattata subito la perquisizione a casa, dal momento che i finanzieri nelle tasche del fermato avevano anche trovato un mazzo di chiavi, che il tunisino aveva dichiarato fossero del proprio appartamento di Levico Terme.

La perquisizione effettuata all’interno dell’abitazione ha permesso di trovare altri quattro pezzi di hashish del peso complessivo di 7,2 grammi, nascosti nel mobiletto del bagno e un bilancino elettronico di precisione rinvenuto nel cassetto del soggiorno, di certo usato per là preparazioni delle “dosi”.

Il tunisino era senza regolari documenti d’identità, pertanto è stato fotosegnalato, gli sono state prese le impronte digitali e denunciato per detenzione illegale di stupefacenti.

Nel corso del servizio di pattuglia notturno sempre a Trento è stata rinvenuta una dose di hashish di un grammo abbandonata nel parco e, durante un controllo alle persone che stazionavano accanto a Piazza Dante, un ragazzo kossovaro di 25 anni è stato segnalato in quanto privo di documenti.

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 21 settembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

23 settembre - 19:10

A lanciarlo il segretario del Partito Autonomista: "Assieme possiamo fare anche massa critica per portare avanti un certo tipo di istanze".  L'appello è rivolto alle forze di centro e autonomiste. Il segretario: "Assistiamo ad un crescendo di malessere tra i moderati nei confronti dei partiti nazionali''

23 settembre - 19:09

Il 19 settembre 2019 il Parlamento approva una mozione che mette sullo stesso piano in nome della memoria condivisa il nazionalsocialismo e il comunismo. Ma la misura, volta a compiacere i governi dell'Est Europa, non comprende la complessità della Storia

23 settembre - 16:12

L’esplosione si è verificata questa mattina in un supermercato a St.Jodok, sul versante austriaco del Brennero. Secondo la prima ricostruzione la causa dell’incidente sarebbe da ricondurre a degli operai che hanno inavvertitamente bucato un tubo del gas provocando la deflagrazione

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato