Contenuto sponsorizzato

''Un abbraccio a voi, fiammazzi brava gente'', da Mantova al Trentino per aiutarlo a rialzarsi Diego ringrazia

C'è chi gli ha offerto un tetto, chi gli ha preparato la cena, i pranzi, lo strudel da riportare a casa e poi il comandante dei vigili del fuoco, il sindaco e tutti quelli che con lui non si sono rassegnati e si sono dati da fare. Il saluto di un giardiniere mantovano con qualifica di Tree Climber che ha deciso di aiutare la Val di Fiemme recandosi sul posto

Di Luca Pianesi - 07 novembre 2018 - 16:30

TRENTO. Da chi gli ha offerto un tetto a chi gli ha cucinato ''una cena tardiva'' e ''quello spettacolo di Strudel'' che ha mangiato, poi, una volta tornato nel mantovano; da chi gli ha permesso di parcheggiare il camion a chi gli ha regalato la giacca a vento ''della prestigiosa nazionale italiana sciatori, che terrò come un gioiello''. E poi il maso che ''mi ha accolto al loro tavolo, dove abbiamo consumato pranzi, colazioni e merende con una ciurma di giovanotti, instancabili boscaioli'', il comandate dei vigili del fuoco, il sindaco, colui che, di fatto, ha reso virale questa storia condividendola sui social e infine ''un abbraccio a voi, fiammazzi brava gente''.

 

Diego Baratti ha voluto ringraziare così. Con un bellissimo post su Facebook dove ha ricordato le persone che a Ziano di Fiemme lo hanno accolto e che lui ha aiutato a rialzarsi a pochi giorni dalla terribile tempesta che ha cambiato il volto di vallate e montagne nel nostro Trentino. Partito dal mantovano armato di motoseghe, attrezzi per il giardinaggio e il suo camion ha raggiunto la Val di Fiemme e per qualche giorno ha aiutato la popolazione del posto (i fiammazzi, appunto) mettendo in campo il suo tempo, il suo impegno e la sua professionalità (QUI L'ARTICOLO COMPLETO).

 

La Val di Fiemme lo ha ringraziato pubblicamente sui social (sui gruppi della zona ''Sei di Cavalese..'' e ''Per chi ha la Val di Fiemme nel cuore..'') con post che hanno ricevuto una montagna di like e commenti di apprezzamento. Lui ha voluto rispondere così (qui sotto il testo integrale) spiegando anche che grazie alla diffusione della notizia in tanti gli hanno scritto, tra loro molti giovani, e hanno visto nel suo gesto di solidarietà un esempio da imitare e fare proprio. Perché anche nel disastro e quando le difficoltà paiono insormontabili è proprio la solidarietà a vincere su tutto. 

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 24 aprile 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 aprile - 19:42

Se le opposizioni politiche sono subito intervenute per manifestare un grande sconcerto per il taglio da 5 milioni di euro, le associazioni sono uscite frastornate nel leggere il provvedimento. "Non vogliamo fare polemica - dice Anzi - ma la richiesta è quella di confrontarsi con l'assessore e il servizio perché la delibera lascia ancora molti aspetti da chiarire

25 aprile - 13:32

Oggi è il 25 aprile e Salvini si è dimostrato ancora una volta ambiguo rispetto a questa ricorrenza dando, in questo modo un segnale al suo popolo e alla sua classe dirigente che continua a ritenerlo infallibile nonostante le continue retromarce (dal numero di immigrati clandestini all'aumento delle accise). Addirittura consigliere provinciali si fanno le foto con a fianco la sua immagine come fosse una guida spirituale

25 aprile - 16:38

Non va più bene nemmeno che le oche facciano i loro bisogni nel loro habitat naturale, su dei prati in riva al lago: Oss Emer ha già emesso un'ordinanza per farle rimuovere e portare in una fattoria vicina. Wwf, Lipu, Pan - Eppaa e Legambiente: ''Pronte a ricorrere in sede giuridica. Quelle oche selvatiche sono nate in natura e si recano su quei prati essenzialmente in inverno quindi non creano problemi al turismo'' 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato