Contenuto sponsorizzato

Va in piazza e spara in aria alcuni colpi, i carabinieri lo rintracciano e lo deferiscono

I fatti si sono svolti a Cavedine ieri sera. Questa mattina i militari lo hanno trovato e gli hanno sequestrato la pistola a salve

Pubblicato il - 13 aprile 2018 - 18:03

CAVEDINE. Si è recato in piazza e ha cominciato a sparare senza nessun motivo spaventando e non poco la cittadinanza. E' successo ieri sera a Cavedine in Piazza Italia. Un uomo di 53 anni del posto dopo essere stato in un locale e aver fatto bella mostra della sua pistola (una scacciacani con munizioni a salve) priva però di tappino rosso è uscito in strada e raggiunta la piazza centrale del paese ha esploso una serie di colpi

 

Nella mattinata di oggi è giunta la segnalazione ai carabinieri di Madruzzo dell'episodio. Immediatamente i militari dell’Arma si sono mobilitati e hanno cominciato ad indagare assumendo le opportune informazioni. L'attività d’indagine ha permesso non solo di deferire in stato di libertà il presunto autore del fatto, ma anche di rinvenire nella disponibilità dello stesso, 53enne del posto, la pistola, rivelatasi a salve, completa di un cospicuo numero di munizioni a salve.

 

Alla luce di quanto emerso, la pistola è stata sottoposta a sequestro ed il cittadino è stato deferito in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Trento.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 11 luglio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

13 luglio - 05:01

L’assestamento di bilancio presentato dalla giunta Fugatti non convince, Rossi: “Pura propaganda, se poi non si stanziano i fondi le grandi opere rimarranno solo sulla carta, gli unici cantieri che sono stati avviati sono collegati alle opere pensate nella scorso legislatura”. Per gli imprenditori le chiusure domenicali provocheranno la fuga dei consumatori verso Bolzano e il Veneto

12 luglio - 20:06

C’è sconcerto tra i segretari di Cgil, Cisl e Uil che, durante l’audizione in prima commissione del Consiglio provinciale, hanno appreso che la manovra di fatto prevede tagli al bilancio provinciale per 100 milioni di euro sul 2020 e per 200 milioni di euro sul 2021

12 luglio - 18:02

Il totale sul territorio resta così a 5.503 casi e 470 morti da inizio epidemia. La Pat: "Rispetto a ieri migliorano decisamente i dati riferiti al contagio a Covid-19 in Trentino". In Alto Adige sono stati registrati 5 casi di nuova positività

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato