Contenuto sponsorizzato

Yassine e Yasmine riabbracciano la mamma. Il padre li aveva sottratti e portati in Tunisia

Lieto fine per i bambini sottratti dal padre. Ieri pomeriggio a Genova hanno potuto riabbracciare la madre e i nonni 

Pubblicato il - 02 June 2018 - 08:44

BOLZANO. Yassine e Yasmine hanno potuto finalmente riabbracciare la propria madre Rosa Mezzina. Ieri pomeriggio, attorno alle 18, i due bambini sono arrivati al porto di Genova dove sono stati accolti da due carabinieri donna della compagnia di Bolzano e poi portati presso la caserma del capoluogo ligure dove ad attenderli c'erano la madre e i nonni.

 

Una storia terminata a lieto fine grazie all'impegno dei carabinieri, la collaborazione con il ministero degli Affari Esteri, l'ambasciata italiana a Tunisi e l'interpol.

 

In aprile il 33enne Jamel Methenni aveva fatto perdere le sue tracce, portando via alla madre Yassine e Yasmine di 4 e 2 anni. Si era mobilitata anche la trasmissione "Chi l'ha visto".

 

Lo scorso 28 aprile, l'uomo aveva telefonato dalla Tunisia confermando di avere i due figli assieme. Ieri i piccoli sono sbarcati da un traghetto nel porto di Genova proprio a bordo del fiat Ducato che era astato ricercato quando i bambini erano scomparsi. Alla guida c'era il 33enne che all'uscita del molto è stato fermato e portato in caserma.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.27 del 27 Febbraio
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

01 March - 12:56

Il ministro della salute ha spiegato, durante la presentazione dei dati del Programma nazionale Esiti, la situazione per l'apparato sanitario: da un lato lo sguardo deve andare al domani e al servizio sanitario universale ma dall'altro c'è il problema imminente della pandemia e di una terza ondata che pare sempre più una realtà

01 March - 11:09

Kompatscher ha pubblicato alcuni insulti che gli sono stati recapitati via social, l’appello contro odio e fake news: “Informazioni fuorvianti possono portare a decisioni sbagliate e mettono a rischio la coesione e la fiducia che sarebbero necessarie ora per superare la crisi”

01 March - 11:10

La notizia è stata confermata dall'Azienda sanitaria altoatesina a il Dolomiti. In Provincia di Bolzano i controlli sulle varianti sono estesissimi e a pochi giorni fa erano già 630 i casi di mutazioni trovati

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato