Contenuto sponsorizzato

Yassine e Yasmine, tante segnalazioni da Vipiteno a Belluno. Il padre è ricercato per la sottrazione dei minori

Proseguono le ricerche in tutto il Paese. Le Forze dell'ordine sono al lavoro per trovare Jamel Methenni e le sue figlie. Domenica era stato localizzato a Verona

Pubblicato il - 26 aprile 2018 - 20:02

BOLZANO. Le ricerche stanno proseguendo senza sosta per riuscire a trovare Yassine e Yasmine, i due bambini che il padre, il trentatreenne tunisino Jamel Methenni, avrebbe portato via da Bolzano domenica a bordo di un furgone.

 

Le fotografie del bambino e della bambina, assieme a quelle del padre, sono state diramate a tutte le forze dell'ordine che stanno lavorando per riuscire il primo possibile a rintracciare l'uomo. La preoccupazione, intanto continua ad aumentare. Uno dei timori è che l'uomo voglia uscire dall'Italia pur non avendo i documenti dei figli.

 

Ad occuparsi del caso è anche la trasmissione “Chi l'ha visto” che parla di una segnalazione della piccola Yasmine in bicicletta con il padre a Vipiteno lunedì 23 aprile. Altre persone hanno invece affermato di aver visto i bambini nella zona di Belluno. Al momento, però, non vi è alcuna conferma. Le segnalazioni che stanno arrivando ai carabinieri sono molte e tutte vengono prese in considerazione e verificate.

 

Dalle informazioni che al momento si hanno, l'uomo sarebbe in viaggio con un furgone Ducato. Non avrebbe, però, i documenti dei bambini e questo renderebbe difficile l'espatrio. Domenica il cellulare dell'uomo era stato localizzato per l'ultima volta nella zona di Verona, per poi essere spento. Una posizione poi confermata anche da una testimonianza raccolta dai carabinieri e considerata attendibile.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 settembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

20 settembre - 05:01
L'Azienda provinciale per i servizi sanitari ha deliberato l'acquisto di 91 mila test rapidi a 409.500 euro, ma in Trentino la volontà sempre quella di puntare principalmente sui tamponi: "I test rapidi sono utili per controllare un elevato numero di persone e conseguentemente evitare chiusure di attività quali scuole e imprese. Sono armi importanti per scongiurare un eventuale ritorno al lockdown"
20 settembre - 09:06

Ogni elettore potrà votare nel proprio seggio, indicato sulla tessera elettorale personale oggi dalle ore 7 alle 23 e lunedì dalle 7 alle 15

19 settembre - 20:24

Le associazioni ambientaliste intervengono dopo il falso attacco ai due forestali: “Strano che Fugatti ne abbia parlato solo dopo le due sentenze del Tar. L’attuale non gestione dei grandi carnivori ha rimosso tutta la corretta informazione, spingendo invece su quella denigratoria”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato