Contenuto sponsorizzato

'Alpini assassini', le Penne nere rispondono: "Sì, lo siamo di ignoranza, arroganza, e di egoismo''

Dopo la scritta comparsa nella serata di giovedì in occasione di un corteo anarchico contro gli alpini  la risposta di questi ultimi non si è fatta attendere

Pubblicato il - 07 dicembre 2019 - 15:25

TRENTO. “Alpini Assassini”? Di indifferenza, ignoranza, arroganza, apatia e di egoismo. Questa la risposta di alcuni alpini alla scritta fatta nella notte di giovedì sul muro della sede Ana di Trento in vicolo Benassuti. Un imbrattamento, fatto durante un corteo anarchico, che se da un lato ha fatto giustamente arrabbiare molti dall'altro ha trovato la risposta degli alpini.

 

A riportarla nella pagina Facebook degli Alpini di Trento è stato il vicepresidente Renzo Merler.

 

Da sempre gli alpini sono “Assassini di indifferenza” perché dediti alla solidarietà, all'aiutare gli ultimi, i più sfortunati. Lo fanno in due maniere: in silenzio, nelle proprie comunità, con attenzione. E lo fanno con i grandi progetti, per i quali serve un po' più di pubblicità per ricevere il sostegno di tante persone che amano l'operato degli Alpini.

 

Assassini di ignoranza” visto che con il proprio Centro Studi gli Alpini si dedicano allo studio, del passato, della nostra storia, dei nostri sbagli ma anche del presente. “E soprattutto – viene spiegato - si pongono delle domande per il nostro futuro, per lasciare un mondo migliore ai nostri figli e ai figli dei nostri figli”.

 

Le penne nere si definiscono “Assassini di arroganza” perché da sempre alle provocazioni preferiscono rispondere con la solidarietà, con il fare sano e costruttivo, con l'attenzione verso le proprie comunità. Saranno proprio gli alpini, in modo volontario, che ripuliranno il muro imbrattato da altri.

 

Si definiscono poi “assassini di apatia” con le molteplici attività portate avanti, dallo sport ai gruppi giovani, dalle cerimonie alle escursioni, ai momenti conviviali ed infine “assassini di egoismo” perché, spiegano, di solito chi milita negli alpini si dona al prossimo, perché chi è iscritto negli alpini è sempre pronto ad intervenire in caso di calamità naturali, perché gli Alpini condividono con amici e conoscenti.

 

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 11 luglio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

13 luglio - 05:01

L’assestamento di bilancio presentato dalla giunta Fugatti non convince, Rossi: “Pura propaganda, se poi non si stanziano i fondi le grandi opere rimarranno solo sulla carta, gli unici cantieri che sono stati avviati sono collegati alle opere pensate nella scorso legislatura”. Per gli imprenditori le chiusure domenicali provocheranno la fuga dei consumatori verso Bolzano e il Veneto

13 luglio - 08:07

Molto conosciuta e di rara sensibilità, Ierma è riuscita a spiegare la sua malattia ai bambini attraverso un libro "La Pazienza dei sassi". Tanti i messaggi di ricordo e di condoglianze: "Una persona speciale''

12 luglio - 16:32

In Italia la figura dell'autista soccorritore non è riconosciuta per legge come una categoria specifica. Per questo l'Aasi, Associazione autisti soccorritori italiani, ha scritto alle istituzioni chiedendo che al più presto si riconosca giuridicamente e professionalmente chi quotidianamente guida i mezzi di soccorso contribuendo a salvare vite

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato