Contenuto sponsorizzato

Cacciatore 80enne sbaglia il colpo e ferisce due colleghi colpendoli con la rosa di pallini

I fatti si sono svolti questa mattina, intorno alle 7.30 in località Mas del Doss sopra Sant'Orsola. Secondo le prime informazioni non si sarebbe trattato di un colpo partito per sbaglio ma di un errore di mira

Pubblicato il - 06 novembre 2019 - 11:23

SANT'ORSOLA. Avrebbe avuto 80 anni il cacciatore che sbagliando mira (questa l'ipotesi al vaglio degli inquirenti: non si sarebbe, infatti, trattato di un colpo partito per sbaglio) ha ferito altri due colleghi di caccia. Due uomini di 61 e 74 anni che si trovavano tra i boschi e i prati di Mas del Doss, località che si raggiunge seguendo una stradina che si inerpica, poco prima dell'abitato di Sant'Orsola. L'allarme è scattato intorno alle 7.30.

 

Il cacciatore più anziano, durante una battuta di caccia alla lepre, avrebbe fatto partire un colpo e la rosa di pallini avrebbe investito gli altri due cacciatori. Rimasti entrambi feriti sono stati chiamati i soccorsi. Sul posto è intervenuto l’elisoccorso con il personale sanitario, e sono state inviate anche due ambulanze.

 

Le notizie, infatti, erano molto frammentarie e non era ben chiaro cosa stesse succedendo. Assieme ai soccorsi sanitari sono intervenuti anche i carabinieri per ricostruire la dinamica dell'accaduto.

 

I due feriti, sono stati elitrasportati in codice rosso all’ospedale Santa Chiara di Trento ma fortunatamente non versano in gravi condizioni. Uno dei due è stato trasferito in sala operatoria per estrarre i pallini che lo hanno colpito.

 


 

Certamente il cattivo tempo non ha aiutato, con nuvole basse e pioggia e la zona è molto frequentata in queste ore dai cacciatori visto che si continuano a sentire diversi spari echeggiare tra i boschi. 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 26 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

26 gennaio - 20:37

Sono 252 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 36 pazienti sono in terapia intensiva e 43 in alta intensità. Oggi sono stati comunicati 7 decessi, mentre sono 23 i Comuni con almeno 1 nuovo caso di positività

26 gennaio - 18:51

Cgil, Cisl e Uil: “Mentre in altre realtà si adottavano misure più restrittive per contenere l’avanzata del virus tra la popolazione e mettere in sicurezza il sistema sanitario, il presidente Fugatti nascondeva i dati, preferendo puntare il dito contro i 'presunti virologi' e ignorando l’allarme che arrivava dai medici in prima linea"

26 gennaio - 18:14
Nelle ultime 24 ore sono state comunicate anche 114 positività a conferma dei test antigenici effettuati nei giorni scorsi. Sono state registrate 15 dimissioni e 197 guarigioni
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato