Contenuto sponsorizzato

Conserva mezzo milione di euro nel vano sella del motorino: imprenditore derubato. Nei guai gli zii della sua compagna

Le mazzette sparite dallo scooter parcheggiato in garage. La zia, accusata in un primo momento, risarcisce e patteggia. E dà la colpa all'ex marito, ora a processo. Ma lui respinge ogni accusa

Pubblicato il - 10 febbraio 2019 - 12:03

TRENTO. Un colpo coi fiocchi. Sarebbe stato messo a segno nel 2016 ai danni di un imprenditore della val Rendena a cui sarebbe stato sottratto circa mezzo milione di euro. Nei guai era finita la zia della sua compagna. Ora a processo è anche l'ex marito della zia.

 

Nel dettaglio si tratterebbe di 510.000 euro che sarebbero spariti da un garage di Trento. Ma andiamo con ordine: il denaro sarebbe stato conservato, diviso in mazzette, in una cassaforte e, successivamente, trasferito dalla compagna dell'uomo d'affari in un nascondiglio non proprio perfetto, il vano sotto la sella di un motorino, tenuto nel garage dell'abitazione cittadina del titolare dell'azienda.

 

Ma qualcuno lo avrebbe scoperto e  il denaro è poi sparito.

 

Nei guai in relazione all'episodio era finita la zia della compagna dell'imprenditore che, dopo un risarcimento di oltre 54.000 euro, a maggio ha chiuso il procedimento a suo carico con un patteggiamento.

 

Ma qualche tempo dopo la donna avrebbe chiesto di poter parlare con la nipote, la compagna dell'imprenditore. Le avrebbe detto di aver dato il malloppo al marito (ora ex) che avrebbe a sua volta speso il denaro per delle ristrutturazioni. L'uomo è finito a processo con l'accusa di furto. Ma il suo avvocato respinge ogni accusa: si tratterebbe, secondo la versione della difesa dell'uomo, di una vendetta della sua ex.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 20 agosto 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

21 agosto - 06:01

Dubbi sulla legittimità dell'ordinanza altoatesina che arrivano anche nell'intervista alla Rai di lingua tedesca bolzanina di Luigi Spagnolli, dirigente del servizio fauna provinciale: "Attualmente non costituisce pericolo. Cattura o abbattimento non sono possibili"

21 agosto - 08:38

Troppo grave le ferite riportate nella caduta. Trasportato al Santa Chiara sabato scorso, il decesso risale a lunedì. Menni era un medico di base a Brescia molto conosciuto. Lascia tre figli

21 agosto - 08:18

La donna 70enne da mesi non pagava l'affitto e ieri avrebbe dovuto ricevere lo sfratto per morosità dall'Itea. Era stata segnalata anche per problemi legati al gioco d'azzardo. Fortunatamente i famigliari colpiti con il martello non sono in pericolo di vita 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato