Contenuto sponsorizzato

Contrasto all’immigrazione clandestina, da inizio anno 66 persone espulse dal Trentino

I dati sono stati riferiti quest'oggi dalla questura e sono frutto dell'attività di contrasto all'immigrazione clandestina voluta dal questore Garramone

Pubblicato il - 21 giugno 2019 - 12:02

TRENTO. Prosegue senza sosta l'attività di contrasto all’immigrazione clandestina voluti dal questore di Trento, Giuseppe Garramone.

 

Secondo i dati forniti oggi dalla Questura, da gennaio sono state espulse 66 persone straniere.

 

Si tratta di dieci persone già detenute presso la casa circondariale di Trento quale misure alternative alla detenzione. Sei persone sono state accompagnate alla frontiera mentre altre sei hanno deciso di andarsene volontariamente.

 

Nove persone individuate sul nostro territorio sono state trasferite ai centri di permanenza per il rimpatrio, quattro rientrano nelle misure alternative al trattamento.

 

Sono infine 31 gli ordini a lasciare il territorio dello Stato di cui uno arrestato per resistenza a seguito di atto di espulsione.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 29 settembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

30 settembre - 11:03

Dopo l'uscita piuttosto pesante del presidente della Lega trentina sull'Svp che si allea a Bolzano con il centrosinistra, il consigliere provinciale di Alto Adige Autonomia Carlo Vettori ha consegnato in Consiglio regionale un'interrogazione, beccandosi gli insulti di Alessandro Savoi. "Finché fa il giullare in Consiglio provinciale a Trento non c'è problema, ma non si metta il becco nelle questioni altoatesine"

30 settembre - 05:01

Ieri l'incontro in Quinta Commissione provinciale tra i rappresentanti del Consiglio del sistema educativo e il direttore del dipartimento prevenzione dell'Apss. Sul tavolo anche le questioni sollevate da il Dolomiti sui tempi che si allungano per sapere l'esito dei tamponi per gli studenti (e si traducono in lunghi isolamenti anche per i genitori) e i test antigenici. Ecco cosa è emerso

30 settembre - 10:00

L'amministrazione comunale ,in una nota, ha ricordato che la temperatura massima interna della casa prevista dalla legge è di 20 gradi centigradi: temperature più basse peggiorano il comfort mentre a ogni grado in più di temperatura interna dell’aria corrisponde, ovviamente, un maggior consumo di combustibile

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato