Contenuto sponsorizzato

Frana sui binari, dissequestrato il treno ma la linea ferroviaria Brunico-San Candido rimane bloccata

Il treno regionale 1822 tra Rio Pusteria e Vandoies è stato investito da uno smottamento. Rimane sotto sequestro il versante sopra la linea da dove è partita la frana

Pubblicato il - 18 novembre 2019 - 19:12

BOLZANO. Sarà interrotta fino a domani mattina la tratta ferroviaria Brunico – San Candido dove questa mattina una frana ha investito il treno regionale 1822 tra Rio Pusteria e Vandoies. (Qui l'articolo)

 

Lo smottamento è avvenuto proprio al passaggio del treno e un passeggero è stato portato in salvo dai vigili del fuoco volontari senza riportare ferite di alcun tipo.

A seguito dell'incidente il mezzo è stato sequestrato e sono state avviate le indagini. Alle 13.45 di questo pomeriggio l' Autorità Giudiziaria ha dissequestrato il mezzo ed il tratto di linea ad eccezione del versante sulla linea ferroviaria da dove è partito lo smottamento.

 

Il carro soccorso che avrà il compito di rimettere il treno sulle rotaie interverrà da Fortezza domani a partire dalle 6. Non si conosce al momento l'orario nel quale la ferrovia sarà completamente aperta. Intanto, è stato attivato un servizio sostitutivo con bus.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 24 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 novembre - 16:22

Fugatti valuta se riaprire le scuole dopo il 3 dicembre, ma avverte: “Se il Governo nel suo Dpcm prevede che non si possano aprire noi dobbiamo adeguarci anche se siamo una Provincia autonoma”. Ruscitti assicura che anche i test antigenici vengono tenuti in considerazione per mettere le classi in quarantena e che le scuole sono tenute informate delle positività

25 novembre - 11:08

Per la giornata contro la violenza sulle donne pubblichiamo la lettera di Erika Perraro, sorella di Eleonora brutalmente uccisa tra il 4 e il 5 settembre 2019 a Nago. Una lettera dura che chiede un cambio di passo e di approccio al problema della violenza sulle donne. Perché i convegni e le promesse dei politici (che ogni 25 novembre si assomigliano ciclicamente) sono importanti ma la realtà vuole risposte diverse, rapide ed efficaci perché per troppe donne il tempo da perdere, purtroppo, è già finito

25 novembre - 16:13
L'allerta è scattata intorno alle 14 di oggi sul monte Spadalone in zona cima Costaccia. Gli operatori del soccorso alpino sono ancora in azione
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato