Contenuto sponsorizzato

I carabinieri li trovano con 7 nidi catturati contenenti 26 uccelli: denunciati un uomo e una donna

Una 20enne e un 57enne accusati di uccellagione e maltrattamento d'animali. A chiamare le forze dell'ordine degli agricoltori: sequestrati nidi e attrezzatura da cattura

Pubblicato il - 06 giugno 2019 - 13:18

CORTACCIA. Li hanno trovati con sette nidi di volatili la cui cattura è vietata: una coppia della provincia di Bergamo è finita nei guai.

 

Tutto è successo mercoledì: una donna di 20 anni e un uomo di 57 sono stati notati da alcuni agricoltori tra dei meleti, che hanno chiamato le forze dell'ordine per segnalare questa presenza anomala.

 

Arrivati sul posto, i carabinieri della stazione di Cortaccia, in collaborazione con il corpo forestale provinciale e il guardia caccia di Cortaccia, avrebbero trovato in possesso della coppia diversi nidi con volatili all'interno.

 

Più in particolare si tratterebbe di 7 nidi contenenti 26 uccelli tra tordi e verzellini, 3 nidiacei adulti. Con sé i due avrebbero avuto anche dell'attrezzatura generalmente usata per la cattura degli uccelli da nido.

 

Gli animali sono stati consegnati al guardia caccia di Cortaccia in vista dell'affidamento al centro di recupero volatili di Tirolo. Per i due bergamaschi, invece, è scattata una denuncia per uccellagione e maltrattamento di animali.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.21 del 25 Settembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 settembre - 20:21

La diffusione del virus Comune per Comune: a Rovereto 11 casi, 8 a Trento. La Provincia di Trento maglia nera fra i territori italiani per quanto riguarda l’incidenza. Ecco la mappa dei contagi sul territorio

27 settembre - 18:22

Davide Bassi, ex rettore dell'Università di Trento, di fronte alla crescita dei contagi in Regione nelle ultime settimane, si è interrogato sulle modalità di somministrazione dei tamponi. Farne tanti è infatti sempre una garanzia di una più efficace strategia di contenimento del virus? La risposta è scettica e fa riflettere sul modo con cui la Giunta Fugatti ha comunicato in questi mesi di emergenza. "Non serve farne tanti ma alle persone giuste"

27 settembre - 19:55

Continuano a crescere in Alto Adige i casi di strutture scolastiche e per l'infanzia costrette a chiudere per l'insorgenza di contagiati tra gli alunni. Dopo i due nuovi positivi riscontrati in due istituti superiori di Bressanone e la chiusura per 2 settimane del Gandhi di Merano, anche l'asilo Moos di Sesto dovrà chiudere i battenti per la sanificazione. 13 i bambini in isolamento, assieme al personale della materna

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato