Contenuto sponsorizzato

Insegnano sci alpino, ma non sono autorizzati. Multati cinque finti maestri

Le sanzioni in Primiero durante l'attività di controllo sulla neve dei carabinieri. Nei guai anche alcuni sciatori che facevano fuoripista in una zona vietata

Pubblicato il - 13 febbraio 2019 - 18:07

TRENTO. Pioggia di multe sulle piste da sci nella zona di Primiero e San Martino di Castrozza. Le hanno fatte i carabinieri nell'ambito dell'attività di prevenzione che conducono anche sulla neve per garantire la sicurezza degli sciatori.

 

Delle multe hanno riguardato violazioni commesse in pista da sci. Alcuni sciatori sono invece stati sanzionati perché avrebbero ignorato i divieti della cartellonistica: sarebbero scesi fuoripista in una zona dove non era consentito ed avrebbero messo così a repentaglio la sicurezza di altri sciatori.

 

Sempre sulle piste del Primero e di San Martino di Castrozza cinque persone straniere sarebbero state scoperte dai carabinieri mentre insegnavano sci alpino sulle piste del comprensorio senza autorizzazioni.

 

Anche in questo caso sono scattate delle multe per presunta violazione della normativa provinciale in merito.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 26 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

28 novembre - 04:01

La questione approda in consiglio provinciale con un'interrogazione di Luca Zeni. Post pro Trump (assistito da Gesù nella sua battaglia), uno su Linkedin dove qualificandosi come capo gabinetto della Pat scrive di essere in missione per chiedere la grazia per la cessazione del virus di Whuan e poi la ''Q'' sul profilo, l’hastag acronimo “WWG1WGA” usato dagli adepti di questa frangia dell'ultradestra che si rifà a un cattolicesimo reazionario che in America (ma anche in Italia) si sta facendo spazio. Il consigliere chiede chiarezza

28 novembre - 11:15

Anche Trento si è svegliata tappezzata dai manifesti delle "Mascherine tricolori". L'obiettivo, questa volta, è Amazon. Tra inviti a sostenere i commercianti locali e a boicottare il colosso dell'e-commerce, in messaggi intrisi di nazionalismo e cospirazionismo, dietro c'è sempre l'estrema destra

28 novembre - 09:38

Ieri la Cassazione ha confermato la sentenza di primo grado con l'ergastolo a Vincenzo Virga ritenuto mandante dell'uccisione del giornalista ma è stato assolto Vito Mazzara

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato