Contenuto sponsorizzato

Melinda sempre più ecosostenibile, arrivano nei negozi i vassoi in pura cellulosa e la pellicola in mais

Il vassoio può persino essere messo nel forno a microonde e in frigorifero. Può inoltre contenere liquidi. Le novità sono orientate anche a soddisfare le esigenze di consumatori sempre più consapevoli

Pubblicato il - 11 giugno 2019 - 09:05

TRENTO. Un nuovo vassoio per contenere le mele che può essere anche utilizzato in forno e un film di bioplastica che deriva dalla lavorazione del mais. Melinda ha deciso di lanciare le nuove confezioni amiche dell'ambiente. Le mele dal bollino blu, infatti, saranno disponibili in diversi packaging innovativi in materiale eco – friendly.

 

L'operazione ha l'obiettivo di indirizzare sempre più il proprio modello di business sul tema della sostenibilità. Una scelta, viene spiegato “che il Consorzio ha intrapreso con la consapevolezza che la Terra è un ecosistema da tutelare perché produca buoni frutti”, ma orientata anche a soddisfare le esigenze di consumatori sempre più consapevoli, che orientano i propri acquisti selezionando aziende impegnate sul fronte della green sustainability. Da un’ indagine condotta da PWC su 21mila persone in 27 Paesi emerge infatti come il 49% prediliga prodotti e brand attenti all’ambiente, il 41% eviti il più possibile l’uso della plastica e il 37% ricerchi specificatamente packaging eco-friendly. (Fonte: Global Consumer Insight Survey di PWC).

 

La principale novità è il “Packaging in biopap” fornito in esclusiva al Consorzio dalla ditta Ghelfi Ondulati. Si tratta di una innovativa confezione da 4 mele in pura cellulosa prodotta in Italia, biodegradabile, compostabile e riciclabile. Questo vassoio, una volta vuoto, può essere riutilizzato in mille modi e può persino essere messo nel forno a microonde e in frigorifero. Mantiene inalterate le caratteristiche del cibo ed essendo impermeabile può anche contenere liquidi e diventare ad esempio una ciotola per il proprio amico a quattro zampe.

 

Altro nuovo materiale ecocompatibile utilizzato dal Consorzio è il “Film in Pla”, una bioplastica che deriva dalla lavorazione del mais, biodegradabile e compostabile, che vanta i certificati DIN EN 13432 (7H0052) e TŰV Austria «ok biobased (S206)». Questo film, utilizzato per isolare le mele dall’atmosfera esterna, è in grado di mantenere inalterata la freschezza del prodotto, ma riduce in modo rilevante l’impronta ambientale di questa tipologia di confezione.

 

Nel corso del 2019 è stato incrementato anche l’utilizzo dei pack in cartone, materiale naturale e riciclabile che ha sostituito molte soluzioni che adottavano materiali plastici.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 29 settembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

29 settembre - 20:54
L'esecutivo comunale è composto da 4 donne: 2 in quota Partito democratico, una rappresentante per Azione-Unione e Insieme. Il primo cittadino, Franco Ianeselli, ha delineato la Giunta a palazzo Thun chiamata a guidare Trento per i prossimi 5 anni: "Lavoriamo per la città in un'ottica di sostenibilità ecologica, economica, sociale e istituzionale"
29 settembre - 19:46

Sono 25 fino a questo momento le classi messe in quarantena perché sono stati riscontrati alunni positivi, ma 9 di queste hanno già terminato il periodo di isolamento mentre le altre 16 dovrebbero concludere questa misura tra pochi giorni

29 settembre - 20:36

L’assessore all’istruzione parla di “discriminazione ai danni dei nostri cittadini” ma l’unica ad aver discriminato qualcuno è la Provincia di Trento, così come stabilito da un giudice. Se un tribunale, di fronte a un ricorso di un cittadino, applica le leggi la colpa non è sua ma di quella Giunta incapace di scrivere un provvedimento degno di questo nome

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato