Contenuto sponsorizzato

Minaccia al telefono la ex e poi l'aggredisce: intervengono i carabinieri, nei guai un uomo

L'ex convivente dopo un primo contatto sarebbe passato alle vie di fatto. Arrestato e denunciato. I militari hanno anche aiutato un anziano che, smarrito, non riusciva a rincasare

Pubblicato il - 09 maggio 2019 - 13:26

TRENTO. Prima la minaccia al telefono, poi la raggiunge e l'aggredisce. Nei guai un uomo.

 

È accaduto nella zona di Lavarone: un quarantenne italiano, dopo aver bevuto qualche bicchiere di troppo, avrebbe prima minacciato al telefono la sua ex convivente, poi sarebbero seguita un'aggressione dal vivo. Immediato l'intervento dei carabinieri della stazione di Lavarone che hanno allontanato l'uomo.

 

Che è finito nei guai: è stato arrestato e denunciato per atti persecutori e minaccia.

 

Sempre i carabinieri, questa volta del radiomobile del comando della compagnia di Rovereto, sono intervenuti poi ad aiutare un anziano. L'uomo sarebbe è stato notato dai militari, durante un servizio di perlustrazione, appoggiato a un muro con lo sguardo fisso. Un momento di smarrimento: l'ottantenne non si ricordava più come tornare a casa. I militari hanno rintracciato la figlia e l'indirizzo dell'abitazione dell'uomo (a un centinaio di metri di distanza), dove lo hanno poi accompagnato.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

24 novembre - 19:38

Guarire dal coronavirus non garantisce l’immunità permanente, il direttore dell’azienda sanitaria: “Circa il 75% delle persone contagiate in primavera, a settembre, avevano ancora gli anticorpi che riescono a neutralizzare il virus, ma il restante 25% può ammalarsi di nuovo. Al momento non ci sono modi per distinguere chi resta protetto dagli altri, quindi anche i guariti devono continuare a rispettare le norme di isolamento e proteggersi”

24 novembre - 18:48

Il governatore trentino è tornato a ripetere la propria posizione sugli impianti sciistici. Intanto il dialogo tra la conferenza delle regioni e il governo va avanti. Fugatti cita l'Austria e chiede ristori per tutto l'indotto in caso di chiusura degli impianti

24 novembre - 18:26

Sono 143 i positivi e 14 i decessi. Stabile il rapporto contagi/tamponi che resta sotto la soglia del 10%. Aumenta il numero dei ricoveri nei normali reparti e cala quello in terapia intensiva, 176 i guariti nelle ultime 24 ore, un dato che anche oggi supera quello dei nuovi infetti

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato