Contenuto sponsorizzato

Neve in maggio, muri alti anche 20 metri e apertura dei passi rimandata

I tecnici al lavoro per liberare le arterie e mettere in sicurezza i passi. Sul passo Rombo, a quota 2.500 metri, si è arrivati a misurare anche 21 metri di altezza della massa nevosa accumulata dal vento e dalle slavine

Pubblicato il - 16 maggio 2019 - 20:10

STELVIO. Restano chiusi il passo dello Stelvio, passo Rombo, passo Pennes e passo Stalle. Troppa le neve delle ultime settimane che in alcune zone ha creato dei punti accumulo alti anche più di 20 metri.

Per esempio sul passo Rombo, a quota 2.500 metri, si è arrivati a misurare anche 21 metri di altezza della massa nevosa accumulata dal vento e dalle slavine. Dei dati impressionanti che hanno trasformato il paesaggio della zona che in alcuni punti presenta dei veri e propri muri bianchi.

In questi giorni si sta lavorando sul passo Rombo, al confine con l'Austria, sul passo Stelvio, passo Stalle e passo Pennes. La neve riesce a formare muri di 10-12 metri apparentemente inespugnabili 

Al Passo Stalle la chiusura invernale verrà revocata venerdì 17 maggio dalle 17.30. Le eccezionali nevicate, anche fuori stagione, hanno costretto a posticipare le aperture dei principali passi in Alto Adige, dopo un inverno particolarmente ricco di precipitazioni.

I tecnici e il personale del servizio strade della Provincia di Bolzano sono impegnati da settimane per liberare le arterie e mettere in sicurezza le diverse aree. Operazioni delicate anche per le zone impervie, tanto che è necessario il costante monitoraggio e via libera della commissione valanghe a causa dei rischi e pericoli legati agli accumuli e ai repentini sbalzi termici. 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.39 del 23 Maggio
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

24 maggio - 18:59

Viene da chiedersi cosa avrebbero fatto i membri della giunta se le signore fotografate da Ivan Cristoforetti e messe su Twitter con frasi del tipo ''gran figueria'' o ''festa della prugna'' fossero state loro parenti. O se oggetto degli insulti (per i quali è stato bannato da molti) lanciati dallo stesso braccio destro di Spinelli fossero state persone a loro vicine. Forse avrebbero capito che questo è proprio quel tipo di comportamenti che nelle scuole ai nostri figli cerchiamo di spiegare che è sbagliato

24 maggio - 15:52

Sul retroscena svelato oggi da Il Dolomiti i consiglieri provinciali Filippo Degasperi e Giorgio Tonini hanno già presentato due interrogazioni. "Dalla Giunta dichiarazioni confuse''

24 maggio - 17:11

La donna dopo aver acquistato lo spray ha voluto provarlo. Sul posto si sono portati anche i vigili del fuoco che hanno evacuato un intero piano del centro commerciale di Pergine

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato