Contenuto sponsorizzato

Passeggiava tranquillo in paese ma aveva un ordine di carcerazione, i carabinieri fermano un 27enne

Sul ragazzo pendeva un ordine di carcerazione di 6 mesi per violenza e resistenza a pubblico ufficiale e rifiuto di fornire informazioni sulla propria identità

Pubblicato il - 25 November 2019 - 09:30

CAVALESE. Su di lui pendeva un ordine di carcerazione di 6 mesi per violenza e resistenza a pubblico ufficiale e rifiuto di fornire informazioni sulla propria identità. Nonostante questo passeggiava tranquillamente nella zona di Cembra Lisignago fino a quando, però, è stato notato dai carabinieri durante un servizio di controllo. 

 

Gli agenti, notando il giovane a piedi e non avendolo mai visto in zona, hanno deciso fermarlo. Il  27enne extracomunitario provvisto di regolare permesso di soggiorno, come già detto era gravato da un ordine di carcerazione di 6 mesi circa per vari reati commessi fuori il territorio di questa Provincia.

 

Il ragazzo è stato quindi accompagnato presso il Comando la Stazione Carabinieri di Cembra per la notifica del provvedimento restrittivo emesso dalla Procura Distrettuale della Repubblica di Genova, per poi essere tradotto presso il carcere di Spini di Gardolo per l’espiazione della pena comminatagli.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 20 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

21 January - 14:10

Nello stesso giorno un comunicato rassicurava i giornalisti anche spiegando che alcuni di loro sarebbero andati al web (affidato in questi giorni, invece, anche a colleghi dell'Adige e Alto Adige) mentre una lettera chiariva loro di non farsi illusioni. Oggi il primo incontro con i rappresentanti sindacali è andato malissimo e la proprietà ha messo a nudo sé stessa ribadendo modi e metodi non degni di quest'epoca e la provincia di Trento scopre cosa vuol dire essersi consegnati a un monopolio 

20 January - 19:17

Il 21 gennaio 1921 il Partito socialista italiano, riunito a Livorno per il XVII Congresso, si spaccò. Una componente fuoriuscita fondò il Partito comunista d'Italia, forza che avrebbe segnato la storia del '900 italiano. Quella rottura fu però anche il sintomo della difficoltà a leggere il presente, con il fascismo che l'anno successivo avrebbe preso il potere. Lo storico Marcello Flores: "Nel momento in cui serviva maggiormente unità, ci si frantumò sulla rivoluzione. Ma la prospettiva rivoluzionaria era scomparsa"

21 January - 12:08

La normativa trentina impugnata da Roma, nel modificare la legge provinciale 4 del 1998 in particolare per quanto riguarda le modalità e le procedure di assegnazione delle concessioni, secondo il governo “avrebbe ecceduto rispetto alle competenze riconosciute alla Provincia dallo statuto speciale di autonomia” e violato l’articolo 117, primo comma della Costituzione, che impone il rispetto del diritto europeo, e in particolare il principio della libertà di concorrenza 'per' il mercato”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato