Contenuto sponsorizzato

Potatura in corso dei cedri in cortile, protesta al liceo Prati

La decisione presa dopo un crollo avvenuto a dicembre. Ma insegnanti e studenti sono contrari. Avevano promosso una petizione: ''Ma non ci hanno risposto''. Sul posto Maschio, Degasperi e Santini

Pubblicato il - 25 February 2019 - 11:40

TRENTO. La questione non è nuova e affonda le radici (ahinoi, è il caso di dirlo) negli scorsi anni. Parliamo dei due cedri che sorgono nel piazzale posteriore del liceo Prati di Trento. Due alberi a rischio abbattimento, sui quali è in corso un intervento proprio in questi attimi. E non poca è la tensione che si respira tra via Travai e piazza Garzetti.

 

Per capire di cosa si parla bisogna tornare indietro a dicembre 2017, al momento in cui alcuni rami, piuttosto pesanti, erano crollati a terra nel giardino della scuola. Un evento potenzialmente pericoloso che aveva portato l'istituto a chiederne l'abbattimento.

 

 

Una risoluzione che aveva incontrato la contrarietà di docenti, genitori e studenti che avevano promosso una petizione contro la rimozione di quegli alberi secolari e raccolto oltre un centinaio di firme in poche ore.

 

Sulla questione era intervenuta anche la politica: il consigliere comunale, capogruppo del Movimento Cinque stelle, Andrea Maschio aveva presentato un'interrogazione chiedendo appunto il motivo del previsto abbattimento dei due cedri.

 

Essendo legata a una scuola, la questione era stata ritenuta di rilevanza provinciale e proprio a Piazza Dante era stata chiesta a gran voce una perizia, un supplemento di istruttoria in merito.

Oggi l'accelerazione: è in corso al momento, su uno dei due alberi, quella che sembrerebbe una potatura profonda. Ancora ignota al momento la reale tipologia di intervento.

 

Sul posto si sono portati i sostenitori della petizione. "Avevamo chiesto che la Provincia ci facesse avere una perizia per sapere se erano da tagliare i cedri. Abbiamo inviato una lettera firmata da un cospicuo numero di docenti, è arrivato l'avviso di avvenuta ricezione, ma la perizia non l'abbiamo vista e oggi ci viene non-detto che stanno abbattendo gli alberi" dice indignata un'insegnante.

 

"L'esito della perizia non è stato reso noto, né nessuno è stato avvisato prima di tagliare. È un modo scorretto di procedere" lamenta Andrea Maschio, accorso al liceo Prati assieme a Filippo Degasperi e a Marco Santini. La loro "perplessità" ("Viene fatta una potatura drastica") è stata affidata anche una diretta Facebook.

 

 

"È come se gli alberi urlassero oggi a Trento" dice sempre Maschio. L'allusione è alla voce, proveniente anche da fonti attendibili, che vorrebbe un intervento in programma a breve anche sugli alberi di via Esterle (dove si lavora per il nuovo parcheggio). Intanto è stato già tagliato l'albero centrale di piazza Lodron. Ma quest'ultimo pare proprio che sarà rimpiazzato.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19. 30 del 06 maggio 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
07 maggio - 19:38
Incoraggianti i dati della campagna vaccinale in Trentino, con ottimi risultati negli over 70 e quasi il 90% degli over 80 coperti con almeno una [...]
Cronaca
07 maggio - 19:16
Tra i nuovi contagiati ci sono 27 tra bambini e ragazzi: 5 hanno tra 0-2 anni, 11 tra 3-5 anni, 5 tra 6-10 anni, 4 tra 11-13 anni e 2 tra [...]
Ambiente
07 maggio - 17:03
Nel bolognese la presenza dei lupi manda in fibrillazione alcuni allevatori che per difendersi hanno iniziato a “sparare” con dei cannoni [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato