Contenuto sponsorizzato

Raccolta differenziata, in un anno a Trento si producono 54,9 milioni di chili di rifiuti

Circa 14.000 le tonnellate di organico raccolte in città nel 2018. Record di conferimenti a maggio, il dato più basso a febbraio

Pubblicato il - 26 gennaio 2019 - 15:51

TRENTO. Sapreste dire quante tonnellate di rifiuti vengono raccolte a Trento in un mese? Un esempio: lo scorso dicembre nel capoluogo sono state conferite circa 4.219 tonnellate di ogni tipo di rifiuto (dall'organico al vetro, dalla plastica ai derivati dello spazzamento, dagli apparecchi elettronici dismessi agli inerti). In totale le tonnellate raccolte nel 2018 sono state 54.958,7, vale a dire 54,9 milioni di chili.

 

I dati sulla raccolta differenziata 2018 sono forniti in modalità "open", quindi accessibili a ogni cittadino, dal Servizio Urbanistica e ambiente del Comune di Trento. Le cifre sono fornite mese per mese.

 

Rispetto agli anni precedenti, come conseguenza dell'aggiornamento della modalità di raccolta differenziata, la voce "multimateriale" è scomparsa dalle categorie proposte. Che riguardano i rifiuti organici, del "verde", gli imballaggi leggeri, i contenitori di vetro, la carta e il cartone, i metalli, la plastica, il legno, i tessili, il materiale inerte, gli ingombranti e i rifiuti derivati dallo spazzamento. A cui si aggiungono le apparecchiature elettriche ed elettroniche, i rifiuti urbani pericolosi e quelli indifferenziati.

 

In totale nell'anno appena trascorso sono stati dunque conferiti tramite la raccolta differenziata 14 milioni e 283.317 chili di organico, 4 milioni e 878.423 chili di imballaggi leggeri e 9 milioni e 347.904 chilogrammi di carta. Nei bidoni della differenziata sono finite inoltre 4.696,72 tonnellate di vetro (4,7 milioni circa), 676.580 chili di metalli e 397 tonnellate di plastica.

 

Sono state smaltite 387,59 tonnellate di rifiuti tessili e apparecchi elettrici ed elettronici dismessi per 753,951 tonnellate. I rifiuti urbani classificati come "pericolosi" conferiti tramite le modalità previste sono stati 117.968 chilogrammi.

 

I rifiuti urbani indifferenziati: parliamo di 8,8 milioni di chili. Quelli derivanti dallo spazzamento strade: 1.190.960.

Abbastanza costanti i dati dei conferimenti se si guarda il dettaglio mese per mese. Nel 2018 è stato maggio il mese che ha visto una maggiore quantità di rifiuti (5.387,178 tonnellate), seguito da ottobre (4.911,773 tonnellate). Il minimo si è registrato invece a febbraio (4.088,233 tonnellate). Per quanto riguarda l'organico, la tipologia che ha visto conferimenti maggiori, il picco è stato a gennaio con 1.398,22 tonnellate raccolte. I mesi con meno conferimenti in questo caso, complici forse le ferie, settembre (1.068,37 tonnellate), agosto (1.090,29 tonnellate).

 

Nei bidoni verdi sono finiti in un anno 2.953.290 chilogrammi di rifiuti, 8.799.930 i chili di rifiuti urbani.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 26 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

28 novembre - 04:01

La questione approda in consiglio provinciale con un'interrogazione di Luca Zeni. Post pro Trump (assistito da Gesù nella sua battaglia), uno su Linkedin dove qualificandosi come capo gabinetto della Pat scrive di essere in missione per chiedere la grazia per la cessazione del virus di Whuan e poi la ''Q'' sul profilo, l’hastag acronimo “WWG1WGA” usato dagli adepti di questa frangia dell'ultradestra che si rifà a un cattolicesimo reazionario che in America (ma anche in Italia) si sta facendo spazio. Il consigliere chiede chiarezza

28 novembre - 10:18

Il presidente della Provincia di Bolzano Arno Kompatscher ha presentato nella giornata di venerdì 27 la nuova ordinanza che entrerà in vigore lunedì 30 novembre e porterà ad una riapertura scaglionata di diverse attività, oltre che all'allentamento delle misure per il contenimento del virus. Ecco quali sono le principali novità

27 novembre - 16:13

Durante i mesi di agosto e settembre, il lago è stato interessato da un’intensa fioritura algale, visibile ad occhio nudo per l’anomala colorazione dell’acqua della superficie. Questo episodio di fioritura è stato provocato da un ciano batterio

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato