Contenuto sponsorizzato

Rubano in casa degli anziani suicidi, sciacalli in azione a Fai della Paganella

Ignoti si sono introdotti nella casa dove pochi giorni fa si sono tolti la vita Sergio Cini e Luisa Zardo, ulteriore shock per la comunità

Pubblicato il - 13 gennaio 2019 - 13:57

FAI DELLA PAGANELLA. Uno degli atti più ignobili possibili: rubare in casa di due persone morte da pochi giorni. E' successo a Fai della Paganella giovedì sera nell'abitazione di via Cortalta dove nella notte tra martedì e mercoledì si sono tolti la vita Sergio Cini, 85 anni e Luisa Zardo, 87 anni.

 

I due anziani, come noto, sono stati trovati la mattina del 9 gennaio da un amico di famiglia che era stato esplicitamente invitato dalla coppia a far loro visita quel giorno. I due anziani, forse, temevano di restare nella casa senza vita, per giorni, prima di essere trovati e così avevano chiesto all'amico di passare. Si sono uccisi con una pistola e hanno lasciato un bigliettino di spiegazioni (lei era molto malata ed era da poco rientrata nella casa di Fai dopo un periodo in casa di riposo).

 

Ovviamente, dopo il fatto, la casa è stata isolata con i nastri delle forze dell'ordine che hanno indagato per ricostruire la dinamica dell'accaduto ma, nonostante il via vai di carabinieri e agenti, ignoti, nella notte di giovedì si sono introdotti nell'appartamento mettendolo a soqquadro in cerca di ori e beni da rubare.

 

Da quel che risulta l'importo del bottino sarebbe di poco valore, ma resta l'orribile gesto compiuto a poche ore di distanza dalla drammatica tragedia. Sciacalli in azione. Un altro motivo di shock per la comunità dell'Altopiano. 

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 26 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

29 novembre - 15:10

Dai primi fastidi alle settimane rinchiusa in casa. Ilaria, residente a Egna, racconta il suo viaggio nella lotta contro il Covid. Tra i più grandi ostacoli spiccano quelli mentali: "Mi sentivo psicologicamente demoralizzata perché credetemi, questa bestia prende tutto, pure la mente. Spero che la mia storia sia di aiuto a chi si trova nella mia stessa situazione"

29 novembre - 17:00

Una persona estratta dalla lamiere dell’auto con le pinze idrauliche. Il ferito trasportato in codice rosso all’ospedale. Sul posto sanitari vigili del fuoco e forze dell’ordine

29 novembre - 16:13

Dopo il diploma al liceo scientifico Leonardo Da Vinci nel capoluogo, si era laureato in ingegneria diviso tra la passione per la musica, la batteria in particolare, e per il teatro. Si era distinto nella carriera di regista e produttore. Si è spento per una malattia incurabile

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato