Contenuto sponsorizzato

'Stop ai pesticidi', a Trento la marcia per la messa al bando. Intanto Apot dà le direttive per l'uso del Chlorpyrifos

La marcia "Stop ai pesticidi" partirà da piazza Dante domani, domenica 19 maggio, e attraverserà la città di Trento per poi terminare nel quartiere Le Albere. Ha ricevuto l'adesione di numerose associazioni.  Nel 2017, dati Istat, nel nostro territorio provinciale sono state utilizzate 2.175 tonnellate di pesticidi con una media per ettaro di superficie di 51 chilogrammi ​

Foto tratta da Facebook
Pubblicato il - 18 maggio 2019 - 19:04

TRENTO. Una marcia contro i pesticidi per salvaguardare la salute dell'uomo e quella dell'ambiente.

 

E' un tema che deve riguardare tutti e domani anche a Trento (ore 14 in piazza Dante)  in molti scenderanno in strada per chiedere la messa al bando dei prodotti che creano danni alla salute e modifiche irreversibili all'ecosistema e alla fauna con tantissimi altri effetti .

 

Per gli appassionati dei dati, quelli riferiti al Trentino sull'uso dei pesticidi sono agghiaccianti. Nel 2017, dati Istat, nel nostro territorio provinciale sono state utilizzate 2.175 tonnellate di pesticidi con una media per ettaro di superficie di 51 chilogrammi (con picchi di 90 in Val di Non). Valori che fanno impallidire quelli nazionali dove la media per ettaro si ferma a 5 chili.

 

Ma i pesticidi non li troviamo solo sul terreno o sulla frutta che mangiamo. Sono sostanze volatili che troviamo anche nell'aria, nei corsi d'acqua e, come hanno dimostrato studi recenti, addirittura nei ghiacciai.

 

I dati del dossier “Stop Pesticidi 2019” hanno confermato come Boscalid, Chlorpyrifos, Fludioxonil, Metalaxil, Imidacloprid, Captan, Cyprodinil siano alcuni dei residui di pesticidi più diffusi negli alimenti.

 

Tra questi, il Chlorpyrifos è utilizzato anche in Trentino (QUI L'ARTICOLO). A confermarlo è anche una interrogazione (QUI IL TESTO) presentata in Provincia dal consigliere Filippo Degasperi nella quale viene riportata una comunicazione di Apot (Associazione produttori ortofrutticoli trentini) nella quale vengono informati i coltivatori nelle Valli di Non e Sole che sarà consentito l'utilizzo di insetticidi a base di sostanza attiva clorpirifos - metile.

La sua pericolosità (QUI LO STUDIO) sta nel fatto che blocca un enzima (acetilcolinesterasi), uno dei tanti neurotrasmettitori che mediano la comunicazione tra le cellule nervose. Questi effetti neurologici comportano rischi particolarmente elevati per i bambini quando i loro cervelli e sistemi nervosi si sviluppano.

 

Ci sono poi gli effetti sugli animali che sono risultati altamente sensibili al clorpirifos. L'esposizione a concentrazioni minime può essere letale. La stessa Environmental Protection Agency ha indicato che una singola applicazione di clorpirifos comporta rischi significativi. Pesci, anfibi, uccelli, rettili e piccoli mammiferi, nonché api e altri insetti utili sono vulnerabili all’insetticida.

 

La marcia che partirà domani alle 14 da piazza Dante è nata dal basso ed è stata promossa da 'Agricoltura Trentino' trovando poi l'appoggio di numerosi enti e associazioni.

 

“I dati – spiegano i promotori – dimostrano l'urgenza di questa iniziativa. Basta conoscere la quantità di pesticidi che vengono venduti in Trentino per capire a che punto siamo. Noi non siamo contro l'utilizzo dei prodotti in assoluto, alcuni vengono usati anche nell'agricoltura biologica. Siamo contro i pesticidi di sintesi”.

 

L'obiettivo è quello di camminare insieme per una conversione dell'agricoltura in agroecologia. La richiesta è quella di arrivare entro un anno al bando del glifosate, del dlorpirifos e dei neonicotinoidi dal Trentino-Alto Adige; entro cinque anni arrivare ad essere la prima regione senza pesticidi di sintesi, con interventi concreti a tutela della biodiversità; infine, entro 10 anni, la conversione agroecologica della regione, con filiere corte, inserimento di nuove colture per il recupero della "sovranità alimentare", con riguardo specialmente alle forniture per scuole, asili nido ed ospedali, secondo il metodo di produzione biologico.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 18 settembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

19 settembre - 11:36

Iniziata nel marzo 2016, l'operazione Carthago ha portato a sgominare una rete ramificata in Marocco, Olanda, Spagna, Svizzera e Italia. Due i nuclei criminali composti da nordafricani e italiani legati ai clan di Torre Annunziata e alla mafia foggiana, che controllavano anche il mercato trentino. 73 gli indagati totali, 19 gli arrestati e sequestrati stupefacenti per un valore di 70 milioni di euro

19 settembre - 06:01

Dopo i fatti di luglio e agosto, con il ritrovamento di 47 e 180 capi morti, la Procura di Trento si prepara ad aprire un processo per indagare su diversi possibili illeciti. La determinazione della causa di morte, riportata dal referto dell'Istituto zooprofilattico, rischia di aprire un "vaso di Pandora" sul sistema dei titoli per ettaro erogati dall'Unione Europea

18 settembre - 18:45

In questi anni gli avvistamenti di questa specie si sono fatti sempre più rari e dal 2006 il Carpione del Garda è entrato a far parte della lista delle specie fortemente a rischio estinzione. Fra le cause di questa dipartita ci sono sia fattori umani che ambientali

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato