Contenuto sponsorizzato

Trento, dall'assestamento di bilancio l'ok all'ascensore obliquo per Povo. Brugnara: ''Un investimento iniziale di 3 milioni per tutta la città''

Il primo lotto dell'ascensore obliquo parte da viale Trieste e arriva a Mesiano. Sono stati stanziati circa 3 milioni di euro. Tramonta l'idea di una funicolare: "insostenibile economicamente e politicamente"

Pubblicato il - 27 luglio 2019 - 19:13

TRENTO. Con la delibera di assestamento bilancio votata giovedì scorso, il Consiglio comunale di Trento, finalmente dopo anni di dibattito, ha deciso di investire nel collegamento Trento-Povo, finanziando la spesa per il primo lotto da Viale Trieste a Mesiano Ingegneria.

 

Stiamo parlando di uno stanziamento per il 2020 di 3 milioni di euro per la realizzazione di quello che è stato chiamato “ascensore obliquo” e che collegherà, per questo primo lotto, Trento fino a Mesiano.

 

“Dopo anni di dibattito – ha spiegato per la maggioranza il consigliere Michele Brugnara - finalmente una scelta importante per il futuro della città nel suo complesso. Non è soltanto un investimento per una parte ma per tutti a partire dai residenti, i pendolari, gli oltre 6 mila ricercatori e professori”.

 

Una risposta anche alle quasi 1300 firme che nei giorni scorsi erano state consegnate al presidente del consiglio comunale Salvatore Panetta, ma anche al presidente della commissione urbanistica Emanuele Lombardo, a seguito di una petizione per la costruzione di una soluzione di mobilità alternativa tra la città e la collina est. (QUI L'ARTICOLO)

 

“Si vuole realizzare – ha spiegato Brugnara – un sistema accessibile quindi anche fatto per i passeggini, per le carrozzelle attento insomma al tema dell'accessibilità a 360 gradi”. A tramontare è quindi l'idea di una funicolare che, spiegano i consiglieri di maggioranza, “non era sostenibile politicamente e soprattutto economicamente”.

 

“Si è fatta una scelta – ha spiegato ancora il consigliere del Pd - su un sistema che ha i costi di manutenzione e gestione più bassi. Questo è un aspetto molto importante da rilevare. La funicolare aveva un investimento di 30 milioni di euro da piazza Venezia e non era un intervento risolutivo perché occorreva poi un collegamento con piazza Dante”.

 

I costi per realizzare un ascensore obliquo sono ben altri considerando anche il personale necessario per gestire la stessa funicolare. Per la realizzazione sono stati sentiti diversi esperti e la stessa università con la quale si è condiviso l'opera.

 

“Alcuni – continua Brugnara - ci dicono che è un intervento che potrebbe non servire. Ma come ho detto anche in aula bisogna iniziare. E' il primo di due o tre lotti per arrivare fino a Povo. E' un primo segnale importante per tutta la città”. Ovviamente 3 milioni non sono un cifra risolutiva per le problematiche legate alla viabilità ma sono un primo passo.

 

Il primo lotto dell'ascensore obliquo, parte da viale Trieste e arriva a Mesiano. Supera un livello di circa 90 metri e uno degli aspetti su cui si punterà è il collegamento con la rete dei percorsi ciclabili della città oltre che con il trasporto pubblico. Un sistema importante anche per i cicloturisti che dal centro città vanno in Valsugana passando per Ponte Alto.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.21 del 25 Settembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 settembre - 20:21

La diffusione del virus Comune per Comune: a Rovereto 11 casi, 8 a Trento. La Provincia di Trento maglia nera fra i territori italiani per quanto riguarda l’incidenza. Ecco la mappa dei contagi sul territorio

27 settembre - 18:22

Davide Bassi, ex rettore dell'Università di Trento, di fronte alla crescita dei contagi in Regione nelle ultime settimane, si è interrogato sulle modalità di somministrazione dei tamponi. Farne tanti è infatti sempre una garanzia di una più efficace strategia di contenimento del virus? La risposta è scettica e fa riflettere sul modo con cui la Giunta Fugatti ha comunicato in questi mesi di emergenza. "Non serve farne tanti ma alle persone giuste"

27 settembre - 19:55

Continuano a crescere in Alto Adige i casi di strutture scolastiche e per l'infanzia costrette a chiudere per l'insorgenza di contagiati tra gli alunni. Dopo i due nuovi positivi riscontrati in due istituti superiori di Bressanone e la chiusura per 2 settimane del Gandhi di Merano, anche l'asilo Moos di Sesto dovrà chiudere i battenti per la sanificazione. 13 i bambini in isolamento, assieme al personale della materna

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato