Contenuto sponsorizzato

Un'ora sotto la valanga, Giovannini: ''Ho visto la parete fratturarsi e poi è venuta giù. Mi sono sentito come Ötzi ma non ho mai mollato''

Un fronte valanghivo vastissimo di oltre 50 metri e una lunghezza di 600 metri circa in val d'Ultimo. Il noto alpinista ricorda quei momenti fino all'arrivo dei soccorritori: "Ho iniziato a sentire i brividi per il freddo, così come delle raffiche di vento fortissime: temevo altre valanghe fino a quando ho sentito le voci e ho visto il muso del cane. Grazie ai soccorritori"

Da sinistra Fulvio Giovannini e Maurizio Belli
Di Luca Andreazza - 15 December 2019 - 19:50

TRENTO. "Ho visto una frattura di una decina di metri aprirsi e il distacco della valanga: enorme. Ho provato a scappare ma è stato tutto troppo veloce". Così Fulvio Giovannini rivive quell'ora trascorsa sotto la neve in val d'Ultimo quando sabato 14 dicembre la massa si è staccata tra l'Orecchio di Lepre e il passo Film a quota 2.800 metri circa, che aggiunge: "Poi mi sono fermato, coperto di neve e vedevo un bagliore: ho cercato di restare calmo e speravo che qualcuno venisse a tirarmi fuori, anche se mi sono sentito come Ötzi".

 

Un fronte valanghivo vastissimo di oltre 50 metri e una lunghezza di 600 metri circa. "Mi è sembrato di essere sulle montagne russe. All'inizio 'galleggiavo' - prosegue l'alpinista - quindi ho iniziato a entrare e uscire dalla neve: vedevo questi lastroni di ghiaccio e neve intorno fino a quando non mi sono fermato a pancia in giù nella coltre. Mi sento un miracolato e ringrazio i soccorritori, grandissimi professionisti, una macchina davvero al top. I miei compagni di escursione sono stati accolti e aiutati alla caserma dei vigili del fuoco nelle ore successive alla valanga. Saremo sempre grati nei loro confronti".

 

Un'ora nella neve e la speranza, ovviamente, di vedere arrivare i soccorritori. "Ho cercato di restare calmo e pensare in modo positivo. Vedevo un bagliore e questo mi ha aiutato - continua Giovannini - poi ho provato a muovermi per cercare di liberarmi ma ero come cementato nella neve, se non altro avevo capito di essere tutto interno. Inoltre riuscivo a respirare abbastanza bene. Lì mi sono definitivamente tranquillizzato e non ho mai mollato. Il primo pensiero è andato ai miei compagni, speravo stessero bene. Speravo anche che gli escursionisti sul fronte opposto della montagna avessero visto la valanga e avessero chiamato i soccorsi".

 

Fortunatamente, invece, sono stati gli stessi compagni di gita a lanciare l'allarme, incolumi e sfiorati dall'enorme valanga. A quel punto è entrata in azione la macchina dei soccorsi. Un dispiegamento di forze importante tra il pelikan e l'elicottero dell'Aiut alpin Dolomites con a bordo l'unità cinofila della stazione del Soccorso alpino della guardia di finanza di Tione

 

L'operazione è stata resa ulteriormente complicata dal vento in quota e un intoppo, la tecnologia che non ha funzionato a dovere. "Avevo con me l'artva - evidenzia Giovannini - ma per qualche motivo ha segnalato la mia presenza molto più a monte rispetto alla mia reale posizione: stiamo cercando di capire le motivazioni di questo errore. I miei compagni hanno, infatti, iniziato a scavare per provare a cercarmi, senza però trovare nulla in quanto ero diversi metri più a valle".

 

La svolta quando è stato notato sbucare uno sci dalla slavina. "A un certo punto - ricorda Giovannini - ho iniziato a sentire i brividi per il freddo, così come delle raffiche di vento fortissime: temevo altre valanghe, mi è venuto in mente Ötzi e il suo destino. Un po' per sdrammatizzare mi sono identificato nell'uomo del Similaun, ma è un pensiero che ho scacciato via altrettanto rapidamente perché non volevo assolutamente fare quella fine. Poi ho iniziato a sentire le rotazioni dell'elicottero, le voci avvicinarsi e poi il cane. Una grande gioia".

 

Tantissima paura, ma Giovannini è stato estratto praticamente illeso, anche se in stato di ipotermia, quindi il trasporto all'ospedale di Merano, da dove è stato dimesso già ieri sera dopo accertamenti e approfondimenti del caso. "I soccorritori - spiega Giovannini - mi hanno detto che in quella zona non ricordano una valanga di quelle dimensioni. Oltretutto aveva nevicato pochissimo, appena 3 centimetri e quindi il distacco è stato inaspettato per certi versi". 

 

Quella che sarebbe dovuta essere una gita tranquilla si sarebbe potuta trasformare in tragedia. "Si cerca di prevedere tutto - dice l'alpinista - ma non sempre questo è possibile. Anche per questo avevamo lasciato detto itinerario e destinazione. La mia ragazza è stata bravissima a mantenere la calma e restare tranquilla e fiduciosa, nonostante la notizia che fossi stato travolto".

 

L'alpinista è noto, infatti, per le imprese, anche estreme, reduce dall'esperienza in Alaska con Maurizio Belli per una traversata di quasi mille chilometri conclusa a primavera (Qui articolo). "Sono 30 anni che pratico scialpinismo e che frequento la montagna. In base alle informazioni, alla preparazione e alla nostra esperienza non ci sarebbero dovuti essere pericoli - conclude Giovannini - ma nella natura non si è mai al sicuro. Questa valanga si è staccata a causa dei cumuli di neve e si può vedere, ma il sovraccarico era davvero ampio per essere identificato subito: quasi tutta la parete è venuta giù e il fronte era molto duro e pieno di lastre. Sono stato davvero fortunato".

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 22 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

17 January - 05:01

L’anomalia dei tamponi molecolari: con una parità quasi perfetta dei test eseguiti (13.892 a Trento, 13.764 a Bolzano) i positivi rilevati dall’Alto Adige sono il triplo di quelli trentini dove, in 10 giorni, si dichiarano appena 567 contagi. Dai casi fantasma ai macroscopici errori dell’Iss (che dovrebbe controllare le Regioni), pare impossibile avere un quadro puntuale dell’evoluzione epidemiologica

16 January - 19:43

Sono 333 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 46 pazienti sono in terapia intensiva e 45 in alta intensità. Oggi sono stati comunicati 7 decessi di cui 6 in ospedale

16 January - 17:59

Fugatti esulta: “Grazie ad un Rt sotto l’1 il Trentino rimane in zona gialla”, ma in conferenza stampa deve spiegare. Nel monitoraggio settimanale dell’Iss l’Rt del Trentino è indicato all’1.01. Nel frattempo Luca Zaia, nonostante un Rt di 0.96, ha chiesto e ottenuto di finire in zona arancione

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato