Contenuto sponsorizzato

Acquedotto ko a Folgaria, l'acqua trasportata con le botti. Il sindaco: ''Limitarne l'uso alle strette necessità''

Il guasto è avvenuto tra giovedì e venerdì. La fornitura d'acqua sul territorio è garantita grazie al sistema di telecontrollo ed al supporto della Protezione civile con camion cisterna che rimpinguano i serbatoi più in difficoltà

Pubblicato il - 11 gennaio 2020 - 08:33

FOLGARIA. Si sta lavorando giorno e notte per riportare in piena funzionalità l'acquedotto di Folgaria che tra giovedì e venerdì si è guastato. La stazione di sollevamento "Puechem" a Terragnolo, che serve per spingere l'acqua in quota, è inutilizzabile in quanto si è reso necessario un intervento di sostituzione completa di alcuni metri di condotta principale e di una valvola venturi.

 

I tecnici e gli operai comunali stanno lavorando giorno e notte per la risoluzione del guasto. L'ipotesi è che si possa arrivare ad una soluzione nelle prossime ore.

 

La fornitura d'acqua sul territorio è garantita grazie al sistema di telecontrollo ed al supporto della Protezione civile con camion cisterna che rimpinguano i serbatoi più in difficoltà.

 

Ieri, intanto, il sindaco Michael Rech ha emesso un'ordinanza comunale nella quale chiede a tutti i cittadini che usufruiscono dell'acquedotto comunale di limitare l'uso dell'acqua potatebile alle strette necessità.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

23 gennaio - 20:31

Sono 246 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 43 pazienti sono in terapia intensiva e 40 in alta intensità. Oggi sono stati comunicati 6 decessi, mentre sono 28 i Comuni con almeno 1 nuovo caso di positività

23 gennaio - 19:50

Oggi la conferenza Stato - Regioni, Fugatti: ''I programmi dell'arrivo dei vaccini sono saltati. Ci dobbiamo arrangiare con gli strumenti che abbiamo. Con i vaccini, purtroppo, ci vorrà molto tempo per avere un numero alto di somministrazioni nella popolazione”

 

23 gennaio - 18:42

Cala il numero dei pazienti in ospedale ma sale quello delle terapie intensive. Altri 6 decessi. Sono state registrate 24 dimissioni e 187 guarigioni

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato