Contenuto sponsorizzato

Allerta meteo sul Trentino, previsti violenti temporali, grandinate e forti raffiche di vento. Già mobilitati i vigili del fuoco

Nel fine settimana è allerta arancione su tutto il territorio provinciale: sono attesi violenti nubifragi che porteranno con loro notevoli criticità. La protezione civile non esclude possano verificarsi smottamenti, allagamenti, frane e colate di fango: “Non avvicinatevi ai corsi d’acqua”

Di T.G. - 01 October 2020 - 17:31

TRENTO. La protezione civile sulla scia di quanto avvenuto per Alto Adige e Veneto ha diramato un’allerta meteo che riguarda il territorio della Provincia di Trento. A partire da venerdì 2 ottobre e almeno fino a lunedì 5 dello stesso mese sono attese precipitazioni su tutto l’arco alpino. Per quanto riguarda il Trentino, fra venerdì e sabato, sono attese precipitazioni diffuse e persistenti, anche a carattere di forte rovescio. Con la fase più intensa che arriverà nella notte tra venerdì e sabato e nella mattinata successiva.

 

Nei prossimi giorni dunque si attendono fra i 70 e i 100 millimetri di pioggia con punte localmente superiori ai 150 millimetri, mentre il limite delle nevicate è fissato a oltre 2600 metri, che si abbasserà a 1800 metri verso la fine dell’evento. Per le giornate di domenica e lunedì è prevista ancora una certa instabilità con ulteriori precipitazioni (30-50 millimetri complessivi).

 


 

A seguito delle previsioni meteo la protezione civile trentina non esclude che possano verificarsi erosioni e smottamenti nel reticolo idrografico, ruscellamenti superficiali con possibili fenomeni di trasporto di materiale, allagamenti, frane e colate rapide. Si attendono inoltre forti raffiche di vento, grandine e fulminazioni. Tali criticità potrebbero, sempre secondo la protezione civile, causare disagi alla viabilità e sulle reti aeree di comunicazione e di distribuzione di servizi. Nel frattempo sono stati mobilitati i servizi provinciali competenti, vigili del fuoco e il personale dei bacini montani.

 

La protezione civile suggerisce alla popolazione di: “Ridurre il più possibile gli spostamenti e, nel caso risultino inevitabili, porre massima attenzione alle condizioni dei luoghi percorsi evitando di immettersi in aree che presentino condizioni anomale o di pericolo, evitando l’avvicinarsi ai corsi d’acqua, a zone depresse (conche e sottopassi) nonché alle rampe ed ai versanti che possono subire smottamenti”. Inoltre le autorità consigliano di “verificare la situazione della propria abitazione in merito al rischio idraulico e idrogeologico, evitando di sostare nei piani interrati e piani terra”.

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
28 gennaio - 05:01
L'Ordine delle professioni infermieristiche ha scritto  all’assessora Stefania Segnana per esplicitare nuovamente la forte [...]
Cronaca
28 gennaio - 08:25
La vicenda ha riguardato un uomo trentino di 53 anni che era finito in carcere ad inizio 2019 fino a quasi la fine del 2020
Ambiente
27 gennaio - 20:20
L'Alto Adige combatte l'infestazione da bostrico. L'Università di Bolzano e Eurac Research hanno presentato un progetto di ricerca che la [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato